Voragine di via Giordano Bruno, Lucernoni: “Amministrazione Tedesco intellettualmente disonesta”

"Il problema di questa nuova amministrazione è la palese disonestà intellettuale, anche di fronte all'evidenza. In due mesi e mezzo di amministrazione neanche riesci ad affidare l'incarico di progettazione, figuriamoci prendersi la paternità dell'opera"

Il capogruppo del M5stelle Lucernoni

“Non una parola sull’amministrazione precedente, ma anzi anche una velata critica…loro in 90 giorni sistemeranno un problema che esiste da 3 anni, come se chi è venuto prima di loro se ne fosse fregato…”. Il consigliere comunale del Movimento 5 stelle Daniela Lucernoni, ex vice sindaco, attacca l’amministrazione Tedesco dopo la conferenza stampa/sopralluogo a via Giordano Bruno, per certificare l’inizio lavori per la sistemazione della voragine. “Il problema di questa nuova amministrazione è la palese disonestà intellettuale, anche di fronte all’evidenza. La voragine della fognatura di via Cesare Battisti è stata una tragedia inaspettata per la città e reperire la necessaria somma ingente e le particolari figure professionali e attrezzature per risolvere il problema non è stato certamente facile. A questo vanno aggiunti diversi mesi di lavori sulla fognatura di via Regina Elena e via Giordano Bruno a monte del crollo, senza i quali non era possibile intervenire nella riparazione del crollo. Un’opera di questa entità va messa nel piano triennale delle opere del comune, l’ultimo risale a fine 2018, e vanno reperite le somme per la realizzazione dell’intervento e i soldi sono stati appostati a bilancio dall’amministrazione 5 stelle. Poi sono state fatte le gare per l’aggiudicazione dei lavori e tutta la burocrazia che richiede un intervento milionario a carico del comune. Ora finalmente la procedura è conclusa e si può iniziare a lavorare per risolvere il problema che ha interessato diverse attività commerciali e abitanti, nonché la chiusura di una strada molto transitata. Ci è voluto tempo, sì, ma è il tempo richiesto da un’opera imprevista di questa portata. In due mesi e mezzo di amministrazione neanche riesci ad affidare l’incarico di progettazione, figuriamoci prendersi la paternità dell’opera. Se dite che il M5S ha fatto anche qualcosa di buono per questa città non è che perdete mezzo elettore”.