“Mi trovavo pochi minuti prima di quell’inferno. Non mi dimenticherò mai più quell’immagine”. L’incendio alla Cattedrale di Parigi, Notre Dame, ha scosso non soltanto la Francia ma tutto il mondo. La trentacinquenne Désirée Picarelli vive a Parigi da una decina di anni, trasferitasi da Civitavecchia e ci racconta quei terribili momenti.

Désirée Picarelli in compagnia di un amico davanti a Notre Dame poco prima dell’incendio

“Un’immagine che non dimenticheremo”. Lei stava passeggiando proprio da quelle parti in compagnia di un amico: “Mi trovavo davanti alla Cattedrale pochi minuti prima dell’incendio – racconta Désirée –. La situazione era normale, tranquilla come sempre. Tanti turisti a fare selfie, diversi parigini che approfittando della bella giornata facevano due passi o prendevano un po’ di sole. Noi abbiamo deciso di proseguire la passeggiata, arrivando fino alla Senna, ma ci è voluto poco per capire che stava succedendo qualcosa. Tanta agitazione, traffico in tilt e il rumore delle sirene dei pompieri, i quali poi sono stati molto bravi. Siamo rimasti per un po’ nei pressi della Senna, leggevano le notizie sui cellulari, ma all’inizio pensavamo fosse una cosa non grave. Invece il rischio era che crollasse tutto. Spinti anche dalla preoccupazione ci siamo riavvicinati a Notre Dame e abbiamo visto un fumo altissimo che usciva dalla Cattedrale. Un’immagine che non dimenticheremo facilmente”.