Transizione energetica, Tedesco e Serpa convocano le parti sociali

L’incontro fa seguito alla recente analoga iniziativa ospitata dalla sede dell’Autorità di Sistema Portuale (che sarà anch’essa presente all’incontro), ed è stato a suo tempo concordato anche con la vicepresidente della Regione Lazio, Roberta Angelilli

Un momento importante di confronto tra tutte le parti interessate al futuro del polo energetico di Civitavecchia si terrà presso il Comune. Il Sindaco Ernesto Tedesco e l’Assessore Francesco Serpa hanno infatti convocato le parti sociali (associazioni datoriali e organizzazioni sindacali) ad un confronto che avrà luogo a Palazzo del Pincio nella tarda mattinata di lunedì. L’incontro fa seguito alla recente analoga iniziativa ospitata dalla sede dell’Autorità di Sistema Portuale (che sarà anch’essa presente all’incontro), ed è stato a suo tempo concordato anche con la vicepresidente della Regione Lazio, Roberta Angelilli.

“Obiettivo dell’iniziativa” spiega l’Assessore Serpa “è il raggiungimento di una visione condivisa di proposte da portare ai massimi livelli nazionali, per far sì che la specificità di Civitavecchia e la sua valenza strategica siano finalmente riconosciute, assicurando da tale base di partenza la costruzione unica di un futuro sostenibile dal punto di vista ambientale e occupazionale per il tessuto sociale cittadino e del comprensorio”.

Aggiunge il Sindaco Tedesco: “Ci tengo personalmente a sottolineare ancora una volta come l’Amministrazione comunale si ponga come l’istituzione che ha il ruolo di raccogliere le istanze provenienti da tutte le parti sociali e dalla città, per trasformarle in una proposta organica, da avanzare come territorio nel suo complesso. In  tal senso, occorre ancora una volta dare rilievo al lavoro di cesura con il governo messo in piedi dall’on. Alessandro Battilocchio, attraverso iniziative che si sono concretizzate anche nei giorni scorsi, sia in Parlamento che presso il Ministro. Nei prossimi giorni proseguiranno i contatti con Enel unitamente alla delegata Barbara La Rosa anche in ragione delle problematiche rappresentate recentemente dai lavoratori della centrale”.