Tensione a colpi di lettere Tidei-Giannini: “Te la fai con quelli di destra”. “Tu li metti in Giunta”

Quello fra il sindaco di Santa Marinella Pietro e Stefano Giannini è un rapporto logoro. L'ultima testimonianza sono le due lettere che entrambi hanno spedito ai vertici regionali, per lamentarsi l'uno dell'altro

E’ una convivenza difficile, forse troppo. Quello fra il sindaco di Santa Marinella Pietro e Stefano Giannini è un rapporto logoro. I due non si sopportano proprio, in comune hanno solo la casa politica, il Partito democratico. L’ultima testimonianza sono le due lettere che entrambi hanno spedito ai vertici regionali, per lamentarsi l’uno dell’altro. Ha attaccato Tidei: “Si è tenuto a Santa Marinella un incontro della lista di opposizione Il Paese che Vorrei. A tale incontro non si comprende a quale titolo partecipava il segretario del circolo PD di Civitavecchia Stefano Giannini, che vedeva tale partecipazione di concerto con pezzi del centro destra (Francesco Fiorucci) già candidato ed eletto all’opposizione nel contesto guidato dalla Lega Salvini, il movimento cinque stelle e forze civiche di centro destra. Ritengo questo un fatto gravissimo dove a fronte di una maggioranza unita e coesa che vede nel PD la maggiore forza di governo. Chiedo alle segreterie interpellate che vengano immediatamente messe in atto tutte le azioni previste, passando da una convocazione immediata della commissione di garanzia”. Giannini, che ha inviato alla commissione di garanzia del partito il rinnovo dell’iscrizione di Tidei, ha replicato: “Sul tema delle presenze di destra, mi spiace dover citare Emanuele Minghella, che conosco personalmente, attuale assessore alle attività produttive e sviluppo economico, autoproclamatosi mesi fa Coordinatore di Forza Italia ed ex consigliere comunale e delegato al Bilancio della precedente giunta di destra, con cui peraltro lo stesso Tidei ha avuto forti scontri durante la campagna elettorale, accusandolo quale causa principale del dissesto finanziario del comune”. Il segretario del Pd ricorda che alla riunione erano presenti pezzi rilevanti di centrosinistra, la presidentessa dell’ANPI di Santa Marinella, Amnesty International, l’Associazione Luca Coscioni, dirigenti di Disability Pride, iscritti di Italia in Comune e Più Europa, oltre ad uno dei fondatori del Partito dei Verdi, oltre naturalmente al Paese che vorrei, “un’associazione che alle elezioni politiche e regionali ha da sempre sostenuto il centro sinistra ed il Presidente della Regione, nonché nostro segretario nazionale, Nicola Zingaretti, partecipando attivamente a Piazza Grande durante l’ultimo congresso”.