Tarquinia: Petizione per la riapertura di Via Vecchia della Stazione

La petizione ha già raccolto oltre 500 adesioni e tutti i cittadini residenti e maggiorenni possono ancora firmare

85

Il comitato spontaneo per Via Vecchia della Stazione ha lanciato una petizione per chiedere al Sindaco ed al Comando di Polizia Locale, di rimuovere l’ordinanza n. 37 del 04/04/2020 che consente l’accesso in Via Vecchia della Stazione ai soli residenti e a quanti debbano recarsi presso le attività produttive presenti lungo la Via, previo rilascio di specifiche autorizzazioni.
La petizione ha già raccolto oltre 500 adesioni e tutti i cittadini maggiorenni di Tarquinia, o quanti si rechino a Tarquinia per lavoro, possono aggiungere la loro firma a questo link (https://www.change.org/p/sindaco-di-tarquinia-revoca-del-divieto-di-accesso-su-via-vecchia-della-stazione-cf3964d9-494c-47e6-9a70-c1e3fcd3dade)
Questa ordinanza ci sembra inadeguata perché:
I residenti dovranno comunicare agli organi di Polizia eventuali visite presso il proprio domicilio attraverso modi non meglio specificati: il livello di disagio è enorme, mette a rischio sanzione chiunque vada a fare consegne a domicilio o semplici visite ed è lesivo della privacy.

Le attività commerciali presenti sulla Via dovranno far autorizzare al transito in modi non meglio specificati, i propri clienti, ma questo risulta impossibile per quelli occasionali o in cerca solo di informazioni. Le ricadute economiche sono evidenti.

La Via, pubblica, lunga più di 2 Km, non potrà più essere usata da pendolari, studenti, cittadini per recarsi alla Stazione Ferroviaria, a scuola, al Lido, agli orti dell’Università Agraria, di conseguenza il traffico locale si concentrerà tutto su via di Porto Clementino.
Nulla è previsto dall’ordinanza per la sicurezza della strada, come l’installazione di autovelox e/o dissuasori di velocità, unica vera soluzione per far rispettare.