“Su di noi una macchina del fango artatamente costruita”

L'intervento della Nc Civitavecchia sulla gestione dello Stadio del Nuoto

Lo stadio del nuoto

Riceviamo e pubblichiamo. Da giorni stiamo registrando una macchina del fango artatamente costruita a mezzo stampe e mezzi di diffusione altamente lesiva per l’immagine della nostra società sportiva, NC Civitavecchia, che va ben oltre la vergogna e la maleducazione.

I fatti:
Civitavecchia è da sempre una città che produce campioni di caratura nazionale ed internazionale nelle varie discipline sportive, tra cui la Pallanuoto.
Sì, proprio la pallanuoto che sin dal 1950 ha prodotto campioni e vinto innumerevoli titoli nelle varie categorie giovanili e in prima squadra, nonchè prestigiosi riconoscimenti societari.
Da sempre, la pallanuoto a Civitavecchia ha prodotto giocatori che hanno militato in tutte le nazionali dalla under 16 alla nazionale A, disputando tutte le competizioni mondiali comprese le olimpiadi, con diversi giocatori.
La stessa pallanuoto a fine anni 80 istituì la pallanuoto femminile, che come SNC Civitavecchia arrivò alla massima serie A in pochi anni, per poi continuare la tradizione come Coser Nuoto con importanti risultati fino alla attuale serie A2, il tutto solo esclusivamente con gocatori di Civitavecchia.
Questa introduzione è doverosa per far capire bene ai lettori e qualche genitore La Storia e il presente della pallanuoto e del nuoto civitavecchiese.
Ad oggi la società Nautilus di pallanuoto femminile che sta portando avanti una campagna auto incensante sulla stampa e al contempo lesiva nei confronti della NC Civitavecchia, milita attualmente nel campionato nazionale di serie A2 girone sud, con una squadra formata da 9/13mi delle giocatrici provenienti da altri club.
Infatti la società Nautilus costituitasi 24 mesi fa circa, ha dovuto ricorrere al mercato per poter affrontare il campionato di serie A2, sostenendo importanti impegni economici.
La Nautilus nasce senza avere un impianto di appartenenza.
Su gran parte dei media, social e nella stampa si leggono articoli dove la società Nautilus e alcune giocatrici asseriscono, cosa non vera, di essere state cacciate da Civitavecchia e per questo chiedono rispetto.
Rispetto perche’?
Perchè senza nulla osta del presidente della NC civitavecchia non avrebbero avuto un campo gara per disputare il campionato a Civitavecchia?
rispetto per cosa? perchè tramite accordi con il loro presidente Braccini sono stati accordati giorni e spazi acqua per gli allenamenti, secondo le proprie esigenze e disponibilità economiche, che ancora oggi devono onorare?
 Rispetto per cosa ? perchè la NC Civitavecchia come gestore del’impianto ha fatto lo stesso accordo di spazi acqua con la Coser Nuoto e la Centumcellae che pagano regolarmente?
Per quanto riguarda gli spazi acqua, si sottolinea ancora una volta che le tariffe scaturiscono da un prezzario stilato dalla Federezione Italiana Nuoto, del quale la NC Civitavecchia si è tenuta al di sotto.
 Sarebbe corretto non far pagare gli spazi acqua e far allenare la Nautilus senza pagare il corrispettivo dovuto mentre tutte le altre società pagano, Federazione compresa? secondo noi No!!!!!
 Questo si che sarebbe una mancanza di rispetto, nei confronti della Coser Nuoto e della Centumcellae che con grande sacrificio economico consentono insieme a noi di mantenere lo stadio del nuoto aperto e fruibile anche alla cittadinanza.
Credo sia evidente ed opportuno che le giocatrici della Nautilus ed il loro presidente, invece di chiedere rispetto, chiedessero scusa alle società NC-Coser-centumcellae che con enormi sacrifici econimici stanno dando la possibilità alla cittadinanza civitavecchiese di frequentare lo Stadio del Nuoto, sacrificando le proprie ambizioni agonistiche evitando di fare spese “pazze” per acquistare giocatori da altri club, e che al tempo stesso stanno lavorando e investendo nei settori giovanili.
Tanto si doveva alla cittadinanza per onore di verità. Nc Civitavecchia.