Spaccio e detenzione illegale di munizioni, in manette 49enne trovato con hashish, marijuana e proiettili

Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Civitavecchia ha disposto per il 49enne la misura degli arresti domiciliari

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Civitavecchia hanno arrestato un 49enne civitavecchiese, gravemente indiziato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e violazione delle legge sulle armi. Intorno alle ore 21, gli agenti della squadra di Polizia Giudiziaria, durante un servizio predisposto procedevano al controllo di C.A. mentre viaggiava a bordo del proprio veicolo assieme alla compagna. L’atteggiamento dell’uomo, particolarmente nervoso ed insofferente al controllo di Polizia insospettiva gli agenti che decidevano di estendere il controllo, effettuando la perquisizione del veicolo, nel quale rinvenivano un involucro di cellophane contenente oltre 500 grammi di hashish. Nella stessa autovettura, all’interno del vano porta oggetti anteriore, veniva altresì rinvenuta una scatola di proiettili con all’interno 50 proiettili calibro 7,65 mm della quale l’uomo non sapeva fornire giustificazioni circa il possesso e la provenienza. Pertanto gli agenti estendevano la perquisizione all’abitazione del 49enne dove veniva rinvenuto un borsone con all’interno 12 involucri di cellophane con all’interno 1.832 grammi di marijuana e 8 involucri contenenti hashish per un peso totale di 1.786 grammi. All’interno del medesimo borsone sono state rinvenute due bilance elettroniche di precisione e 30 buste per uso sottovuoto uguali a quelle dove era contenuta sia la marijuana che l’hashish precedentemente rinvenuto. La perquisizione veniva estesa anche all’interno di un furgone, di proprietà dell’uomo ed al momento fermo nel parcheggio sotto la sua abitazione, dove veniva rinvenuto, risposto nel vano posteriore, un altro borsone ed una busta contenente 20 involucri contenenti  17 kg. di hashish e 2 involucri di cellophane trasparente contenente 990 grammi totali di marijuana. Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Civitavecchia ha disposto per il 49enne la misura degli arresti domiciliari. Ad ogni modo l’indagato è da ritenere presunto innocente, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.