Sciopero metalmeccanici, oggi il presidio a Tvn: “Rispondere alle richieste dei lavoratori”

Giornata di presidi per i lavoratori metalmeccanici

“I lavoratori metalmeccanici della centrale Enel di TVN oggi hanno proclamato una giornata di sciopero. Il Partito democratico di Civitavecchia, rappresentato dal segretario Stefano Giannini, era presente al presidio dei lavoratori, ed è stata per noi l’occasione di ascoltare la voce dei lavoratori giustamente preoccupati per il futuro occupazionale del polo energetico di Civitavecchia, che con la paventata riconversione a gas di TVN e TVS subirà un ulteriore, drastico, inaccettabile decremento. Ragioni sacrosante quelle dei lavoratori metalmeccanici, alle quali si aggiungono quelle non più procrastinabili di una vera tutela della salute, dell’ambiente e del paesaggio: lavoro e benessere sanitario e ambientale possono e devono camminare di pari passo. Il Partito democratico di Civitavecchia già da tempo si è attivato a tutti i livelli politici ed istituzionali per scongiurare l’ennesimo danno per la città e per la sua vivibilità; abbiamo dunque ribadito questa mattina, incontrando il pieno favore dei lavoratori, anche al Sindaco Tedesco la nostra netta contrarietà al Turbogas, e riaffermato la necessità di una costruzione sinergica, di un percorso di sviluppo alternativo, che valuti le tante possibilità che le innovazioni nel campo dell’energia rinnovabile si stanno presentando alla nostra attenzione”. Lo dichiara il Pd Civitavecchia.
L’intervento del Comitato Sole. “Le domande sono sempre le stesse. Come può un’azienda come l’ENEL, da anni presente sul territorio in modo ingombrante, condizionando la vita degli abitanti e del territorio stesso con le sue scelte energetiche, far finta di niente e non rispondere alla richiesta angosciata dei lavoratori metalmeccanici di un futuro tranquillo basato su un lavoro sicuro e di qualità. L’unica cosa che ENEL sa fare è riproporre in maniera monotona e ripetitiva il progetto della realizzazione di 3 nuovi turbogas che andrebbero a mettere una pietra tombale sulle giuste speranze di cambiamento che viene dalla categoria e da tutto il territorio. Come può fare orecchie da mercante al ribollire di prese di posizione, d idee e di progetti che vengono dal territorio: il Consiglio Comunale si è pronunciato con un forte e deciso NO ai turbogas, il Sindaco Tedesco si pronuncia a favore dei progetti alternativi e scrive al MISE, l’Autorità Portuale manda in Europa il progetto ZePHyRO, le direttive della nuova Europa vanno in direzione opposta e contraria. Benvenuti nella terza rivoluzione industriale. Benvenuti nell’era dell’idrogeno. I fondi della NEXT GENERATION EU servono proprio a questo. Finanziare la transizione energetica. Non si accettano più imbrogli come ” il carbone pulito “e “decarbonizzazione”: non si defossilizza passando dal carbone al gas. I progetti ci sono e sono maturi, Porto Bene Comune, l’offshore eolico, la bonifica dei terreni, la produzione di idrogeno verde a TVN, la logistica integrata. È arrivato il momento di aprire una grande vertenza territoriale “Civitavecchia Bene Comune “. A fianco dei metalmeccanici per un futuro pulito e di dignità basato sul lavoro.