Santa Marinella, terminati i lavori di bonifica al cementificio Cerrano

L’operazione di bonifica è stata effettuata dalla società municipalizzata Santa Marinella Servizi che ha provveduto a pulire una buona parte dell’area, liberando la stessa da ex serre decadenti e pericolose, rifugio di topi e serpenti oltre che rimuovere vegetazione abnorme che impediva l’accesso nell’area praticamente interdetta a qualsiasi passaggio pedonale e non

150

Commissionati direttamente dalla proprietà, il gruppo SALINI/IMPREGILO/GHELLA, sono terminati da alcuni giorni i lavori di bonifica, pulizia del verde e di alcune aree presso l’ex Cementificio.
L’operazione di bonifica è stata effettuata dalla società municipalizzata Santa Marinella Servizi che ha provveduto a pulire una buona parte dell’area, liberando la stessa da ex serre decadenti e pericolose, rifugio di topi e serpenti oltre che rimuovere vegetazione abnorme che impediva l’accesso nell’area praticamente interdetta a qualsiasi passaggio pedonale e non.
La pulizia consente ora alla proprietà di avviare indagini con tecnologia elettromagnetica e dielettrica al fine di indagare il sottosuolo e l’ubicazione di cavità. Possibili prossime soluzioni di utilizzo dell’area saranno valutate nel rispetto delle leggi e del contesto ambientale.
“La Multiservizi comunale guidata dall’Avv.Pietro Andolfi ha dimostrato di poter ricevere commesse esterne, ampliando i servizi offerti in favore delle casse della stessa società che possono avvalersi di nuovi introiti – afferma il sindaco Tidei -.
La proprietà ha in programma di presentare all’Amministrazione comunale un master plan ed eventuali idee di sviluppo subordinate però all’approvazione del MIBACT a causa di un vincolo storico posto a salvaguardia dello stabile.
Per questo motivo ho invitato il Ministro Franceschini a Santa Marinella per verificare di persona lo stato delle cose e di manufatto che cade a pezzi, pericolante che oggi costituisce un disdoro in termini di immagine rispetto l’ambiente circostante.
Sosterremo progetti di sviluppo e di rigenerazione urbana purchè siano essi eco-sostenibiliti e compatibili con l’urbanistica del territorio.