Santa Marinella, al via il dispositivo “Pedone Sicuro 2.0”

Il pedone in procinto di attraversare, attiva attraverso delle fotocellule i 4 lampeggianti led installati in prossimità delle strisce pedonali ed i due più esterni posti a 70metri dall’attraversamento

69

Non passano di certo inosservate agli automobilisti e pedoni, le paline di colore arancione, corredate da sensori luminosi e camere, installate a ridosso degli attraversamenti pedonali comparse da qualche giorno sulla S.S.1 Aurelia, presso il Km 60+800 (altezza Bar Incontrino).

Si tratta del dispositivo “Pedone Sicuro 2.0” , una grande innovazione della azienda Safety 21, appaltatrice del servizio di photored e sicurezza stradale – a darne la notizia, Patrizia Befani, Consigliere delegato alla viabilità. “Nel solo territorio del Comune di Santa Marinella – prosegue Befani- le statistiche ACI del 2017( ultimo dato pubblicato), indicano che sulla S.S. 1 Aurelia si sono verificati 26 incidenti stradali con lesioni a persone (44 feriti), senza considerare le ultime vicende che hanno visto vittime gli utenti deboli della strada, ciclomotoristi e motociclisti Con l’ausilio di queste nuove tecnologie – conclude Patrizia Befani – l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Pietro Tidei, fa un passo in avanti per garantire la sicurezza stradale e per rendere più sicuri gli attraversamenti pedonali e le strade pericolose”.

“Pedone Sicuro 2.0”

Keti Marinangeli (com.te della Polizia Locale): “Il Sistema di sicurezza “Pedone Sicuro 2.0”(attualmente in fase di test e collaudo) è stato ideato per la tutela degli utenti più deboli. Il pedone in procinto di attraversare, attiva attraverso delle fotocellule i 4 lampeggianti led installati in prossimità delle strisce pedonali ed i due più esterni posti a 70metri dall’attraversamento, in questo modo l’automobilista, preallertato ha quindi la possibilità di rallentare. Grazie alla telecamera con riprese a 360° permette di monitorare il passaggio pedonale in tempo reale e di recuperare registrazioni video utili a stabilire le dinamiche d’incidente ed eventuali responsabilità”.