Rugby, Granatelli: “CRC pronto per una nuova grande stagione”

Quale sarà il fattore determinante per il CRC?: “Essere costanti come lo scorso anno, cercando di vincere gli scontri diretti. Siamo una squadra molto competitiva, quest’anno dovremmo essere più “pieni” nel numero di atleti, questo è importante”

Pronti per una nuova avvincente sfida. In casa CRC si torna a pensare al campo dopo un periodo di sosta. Il coach Giampietro Granatelli fa il punto della situazione in vista dell’inizio della nuova stagione biancorossa. “Non abbiamo mai staccato veramente – spiega – ricomincerò la prossima settimana con grande entusiasmo. Il pensiero è sempre rivolto alla stagione successiva, ho fatto dei corsi a Parma e Verona con dei tecnici stranieri. Chi allena non si ferma mai, le pile non si sono mai scaricate”. Il girone 2 sembra quello più tecnico: “Anche quest’anno le squadre migliori sono lì. Valorugby sarà da tenere sott’occhio, è il club che ha rilevato il titolo dell’Amatori Parma. E poi Firenze, Parma, ci siamo noi. Novità nella nostra squadra? Al di là dei nuovi arrivi e delle partenze, puntiamo sempre sul nostro Dna, un sistema difensivo qualitativo e dalle caratteristiche offensive a rischio. Un gioco moderno e dinamico. Una scelta figlia della squadra, dei ragazzi di Civitavecchia, e per una serie di fattori. Il nostro è un progetto più ampio, anche legato alla collaborazione con le Fiamme Oro”. Ma cosa chiederà il coach ai giocatori: “Non è facile, soprattutto dopo la passata stagione. Impronterò tutto sulla qualità dei dettagli e sull’approccio mentale, su un rugby di un certo livello”. Quale sarà il fattore determinante per il CRC?: “Essere costanti come lo scorso anno, cercando di vincere gli scontri diretti. Siamo una squadra molto competitiva, quest’anno dovremmo essere più “pieni” nel numero di atleti, questo è importante”.