Rifiuti di Roma a Civitavecchia, tutti contro la Raggi: “Ordinanza vergognosa”

Alessandro Battilocchio ed Emanuela Mari di Forza Italia, Marietta Tidei di Italia Viva, Michela Califano del Pd e Francesco Zicchieri e Claudio Durigon della Lega al fianco di Civitavecchia e contro la sindaca di Roma

“Vergognosa l’ordinanza della Raggi che, in qualità di Sindaca della Città Metropolitana, autorizza il conferimento di una maggiore quantità di rifiuti (di Roma) nella discarica di Civitavecchia. La Sindaca di Roma deve realizzare impianti e discariche dentro il perimetro del Comune di Roma non scaricare i problemi sui Comuni della Provincia. I cittadini della Provincia non possono pagare per l’incapacità della Raggi. Pronti alle barricate”, afferma il consigliere regionale di Italia Viva Marietta Tidei. Le fa eco la collega del Pd Michela Califano. “La Provincia di Roma è stanca di continuare a mettere una pezza all’incapacità di gestire l’emergenza rifiuti della sindaca Raggi. La decisione di inviare un maggior quantitativo di indifferenziato a Civitavecchia è solo un tentativo, l’ennesimo, di scaricare su altri la propria di inerzia. Non è la Regione Lazio che deve indicare un sito alternativo a Colleferro. Non lo diciamo noi, lo dice la legge. La Raggi, come sindaco della Capitale, ha l’onere di individuare un’area all’interno del perimetro di sua competenza dove stoccare i rifiuti prodotti da Roma. La Provincia di Roma sulla raccolta differenziata e sul porta a porta in questi anni ha fatto tantissimo. Lei è rimasta alle chiacchiere. E ora non può pretendere di accollare agli altri i suoi errori. Da parte nostra ha sempre trovato porte aperte, la Capitale d’Italia è patrimonio di tutti. Ma passare per fessi proprio no, ha capito male. Ora la smetta di parlare di massimi sistemi e di criticare e ci dimostri cosa ha in mente per risolvere l’emergenza rifiuti di Roma che lei stessa ha creato”. “Ancora una volta Civitavecchia e la provincia si trovano a dover risolvere le emergenze di Roma Capitale che sfrutta il territorio senza dare mai nulla in cambio. Il governo regionale PD e quello grillino di Roma stanno perpetrando questo scempio. Già lunedì provvederò a inoltrare una interrogazione parlamentare urgente su questi nuovi rifiuti che vorrebbero portare a Civitavecchia”, afferma invece il deputato di Forza Italia Alessandro Battilocchio. Contro la Raggi anche la Lega Lazio. ”La Lega è al fianco di Civitavecchia, del sindaco Ernesto Tedesco e delle comunità limitrofe, dove sorgono diversi e importanti impianti industriali, che non devono diventare la nuova discarica di Roma! Mi appello al Prefetto: bisogna mettere in campo tutte le misure affinché sia nominato un commissario per l’emergenza rifiuti della Capitale e del Lazio! Via il duo sciagura Zingaretti-Raggi, sono degli irresponsabili: il PD ha chiuso Malagrotta senza un’alternativa non modificando il piano rifiuti del 2012, il M5S si conferma inconcludente e scaricabarile come Zingaretti, che governa dal 2013. Roma necessita di un termovalorizzatore di ultima generazione sul territorio, basta con il tour dei rifiuti sulla pelle dei romani tartassati a suon di Tari”. Così il vicecapogruppo alla Camera dei deputati della Lega e il coordinatore regionale del partito Francesco Zicchieri, commenta le dichiarazioni del sindaco della Città metropolitana Virginia Raggi sull’ordinanza su Civitavecchia. “Continua la triste telenovela Raggi – Zingaretti sui rifiuti di Roma. Scaricano la colpa uno all’altro e oggi apprendiamo che il sindaco di Roma, non sapendo più cosa fare per l’inerzia di Zingaretti, ha deciso di invadere di rifiuti la comunità di Civitavecchia. Ancora una volta per l’inadeguatezza di questi due soggetti saranno i cittadini a pagare dazio. L’ennesima mossa disperata di un sindaco che in 3 anni non ha fatto nulla per risolvere o quanto meno alleviare il problema rifiuti della Capitale. Raggi –Zingaretti sono complici di una delle pagine più tristi di Roma e dell’intera Regione”.
Lo dichiara il deputato della Lega Claudio Durigon coordinatore di Roma e provincia della Lega. “Ancora una volta i 5 Stelle e la sindaca Raggi si accaniscono su Civitavecchia. Dopo la montagna di rifiuti creata nei mesi scorsi i grillini vogliono spedire altri rifiuti in città. Non lo permetteremo. Ci siamo già attivati su tutti i livelli istituzionali per evitare questo nuovo affronto alla provincia” lo dichiara il presidente del consiglio comunale di Civitavecchia Emanuela Mari. Critico anche il sindaco di Allumiere Antonio Pasquini. “Ci state accerchiando, da una parte la battaglia contro il termovalorizzatore e dall’altra arrivano i rifiuti di Roma. Sono anni che si parla di rifiuti romani ed ancora oggi non esiste un piano strategico per risolvere il problema. L’incompetenza di una Sindaca che si avvale di altri incompetenti non può causare danni ad una comunità che con sacrifici e senso civico da anni differenzia i propri rifiuti. Lei come sindaco della città metropolitana minaccia con l’emissione di ordinanze, noi rispondiamo che faremo qualsiasi iniziativa per impedire questa violenza al territorio ed alle comunità che lo vivono”. Intervento anche di Fratelli d’Italia. “Con la ormai prossima chiusura della discarica di Colleferro ed il sovraccarico di rifiuti dovuto alle festività natalizie, si avrà il collasso definitivo del già precario sistema di raccolta e smaltimento della Capitale, che renderà inevitabile il commissariamento dei rifiuti a Roma e nel Lazio. Raggi e Zingaretti, responsabili di questo autentico disastro, devono assumere la responsabilità politica di questo fallimento e dimettersi immediatamente per manifesta incapacità”. Così in un comunicato i consiglieri di Fdi alla Regione Lazio. “Bisogna impedire che Civitavecchia subisca questo ennesimo schiaffo, diventando la discarica di Roma, cosa che in parte sta già avvenendo, mentre noi continuiamo paradossalmente a portare i nostri rifiuti in giro per il Lazio. Dobbiamo fare sistema con il comprensorio, come sta avvenendo con l’inceneritore. Con il sindaco Tedesco siamo d’accordo nel convocare subito un consiglio comunale straordinario congiunto con i comuni vicini e riprendere il percorso, interrotto sul nascere dal M5S, per l’uscita dalla città metropolitana che consente a Roma di scaricarci addosso tutti i suoi problemi”. Lo dichiara Massimiliano Grasso, vice-sindaco di Civitavecchia. “La solita arroganza che vuole scaricare sui territori della provincia le incapacità dell’amministrazione di Roma. Non è accettabile ed è bene che la Sindaca e Presidente dell’area metropolitana Raggi ci ripensi. Ne abbiamo abbastanza di soluzioni facili che trasformano la provincia nella discarica della capitale. Abbiamo più volte ribadito che l’unico vero obiettivo da perseguire è la responsabilizzazione di ogni territorio nella gestione della propria parte di rifiuti. Chiedo un intervento forte da parte della Regione volto ad assumere i poteri sostitutivi per impedire questo scempio”. A dichiararlo in una nota Gino De Paolis, consigliere regionale lista civica Zingaretti