“Per Civitavecchia serve un nuovo modello di sviluppo turistico”

"Immaginare che chi sbarca a Civitavecchia possa conoscere le bellezze di questa terra attraverso tour guidati di Terme Taurine, Aquae Tauri e poi Mercato, Forte e Porto storico, Marina e Pirgo significa pensare al territorio come sistema in grado di promuoversi da sé", lo afferma Barbara La Rosa

“Muovere da una visione complessiva di città e declinarla in ogni aspetto dell’economia e della vita quotidiana, per arrivare ad un sistema più produttivo in ogni ambito. Questo dovrebbe fare un’amministrazione comunale e ne è un modello esemplare il progetto di sviluppo turistico presentato da Paolo Poletti. Partendo da un’analisi del CER, Centro Europa Ricerche, sul territorio di Civitavecchia, sui flussi turistici e sulle altre caratteristiche del nostro territorio legate all’industria ricettiva, il candidato sindaco ha descritto l’attuale situazione in maniera cristallina: la disarticolazione dell’offerta turistica, abbinata a una inadeguata valorizzazione dei siti di interesse storico, archeologico e artistico, consente di intercettare il grande impatto dei crocieristi soltanto in maniera superficiale e quindi poco produttiva.

La totale rivisitazione dell’hub di largo della Pace, con l’utilizzazione dell’area ex Italcementi come snodo per gli operatori turistici e insieme vetrina del territorio per i visitatori, sono prime idee concrete che andranno affiancate alla creazione di veri e propri pacchetti per consentire quel marketing territoriale che continua ad essere il grande assente. Immaginare che chi sbarca a Civitavecchia possa conoscere le bellezze di questa terra attraverso tour guidati di Terme Taurine, Aquae Tauri e poi Mercato, Forte e Porto storico, Marina e Pirgo significa pensare al territorio come sistema in grado di promuoversi da sé.

La presenza degli attori principali alla conferenza stampa di presentazione del progetto di sviluppo turistico del candidato sindaco Poletti, dal mondo del commercio alle associazioni di promozione turistica, significa che Civitavecchia sta finalmente comprendendo quale è la strada giusta da imboccare. E può farlo sabato e domenica, recandosi alle urne per premiare la competenza e i progetti di chi potrà finalmente consentire il cambio di passo tanto atteso.” Lo dichiara la candidata al consiglio comunale Barbara La Rosa.