PAS in crisi, alcuni servizi in Porto saltano causa carenza di personale

La banchina 25 per esempio sarebbe sguarnita, coperta  dalla securitas metronotte. Stesso dicasi per la Dogana e anche al terminal delle Autostrade del Mare il servizio sarebbe coperto solo dalle 14 alle 20. L'azienda inoltre avrebbe avvertito il socio unico sui turni che non verranno coperti in questi giorni, a cominciare dal Marina Yacthing

La riunione fra Autorità di Sistema Portuale e sindacati non ha dato, almeno per il momento, risultati concreti. E non poteva essere altrimenti visto che la Pas, la società partecipata dell’ente marittimo che si occupa della gestione della sicurezza in Porto, naviga in cattive acque da molto tempo. Problemi gestionali riferibili al passato, scelte sbagliate ai vertici, crisi legata al covid e molto altro. Se ne parlerà approfonditamente più avanti, ma adesso la situazione rischia di precipitare. Perché, a quanto pare, la carenza di personale si ripercuote sui servizi, che da oggi non sarebbero più coperti come prima. La banchina 25 per esempio sarebbe sguarnita, coperta  dalla securitas metronotte. Stesso dicasi per la Dogana e anche al terminal delle Autostrade del Mare il servizio sarebbe coperto solo dalle 14 alle 20. L’azienda inoltre avrebbe avvertito il socio unico sui turni che non verranno coperti in questi giorni, a cominciare dal Marina Yacthing. Le criticità si susseguono perché sta partendo, anzi è già iniziata, la stagione calda, con le corse delle navi che diventano doppie e l’operatività che di conseguenza aumenta. Inoltre il direttore tecnico sarebbe entrato in malattia, un gap in più in una situazione di emergenza. Voci di corridoio parlano di una possibile privatizzazione della società di qui a poco. Orizzonti ancora sconosciuti, ma per ora servirebbe almeno metterci una pezza per dare una sterzata all’immediato futuro.