Pallavolo, il Liv dice no al bullismo

La prevenzione del bullismo è uno dei capisaldi dell'educazione del Consorzio

154

Lo sport per educare. È sempre più dilagante nella nostra società il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo, comportamenti violenti che possono svilupparsi in varie forme, il primo come violenza fisica, verbale o psicologica, il secondo come comportamento negativo in rete. Argomenti di assoluta attualità che sono stati più volte affrontati e discussi. La prevenzione del bullismo è uno dei capisaldi dell’educazione del Consorzio. Infatti in occasione della Giornata mondiale contro il bullismo e il cyberbullismo, le ragazze dell’under 16 Ates Energy Cv Volley Liv di Evelin Guanà sono scese in campo offrendo un regalo alle avversarie del VIP Viterbo, un gesto di consapevolezza del fatto che “è facile fare i bulli, quelli veramente forti aiutano gli altri”. La pallavolo coltivata nel vivaio rosso nero e blu educa attraverso regole, etica e comportamenti definiti e condivisi dalla società e dai genitori e argina il fenomeno del cyberbullismo limitando l’utilizzo dei dispositivi elettronici. L’amicizia ed il rispetto sono valori fondamentali per il Consorzio e sono rafforzati dalla passione per la pallavolo e dall’intesa che si crea tra i ragazzi giocando insieme. Venerdì 7 febbraio sono scesi in campo i ragazzi dell’under 16 maschile che hanno iniziato il “Torneo Città di Roma” organizzato dalla Opes Italia. I ragazzi pur giocando da pochi mesi a pallavolo hanno tenuto testa agli avversari del Santa Monica.
Domenica è iniziato il torneo under 12 3×3 femminile durante il quale le 4 squadre rosso nere la Cv Rossa, Verde, Rosa e Bianca si sono divertite giocando contro il Tuscania e il VBC Viterbo. I ragazzi under 13 3×3 di Andrea Gabelli hanno vinto 3-0 contro Asp e Tuscania Bianca, e perso contro il Tuscania Azzurro.