Nuovo Dpcm, Tedesco: “Conte manda i sindaci in trincea al posto suo”

"Esprimo la mia solidarietà ai ristoratori, ai professionisti della cura della persona, agli sportivi e più in generale a tutte le categorie considerate “non essenziali” per essere state gettate con tanta superficialità e noncuranza nell'incertezza del proprio futuro"

1155
“Abbiamo appreso con sconcerto, come tutti gli italiani, i contenuti del nuovo Dpcm. Conoscendo la realtà della mia città, mi sento immediatamente di esprimere la mia solidarietà ai ristoratori, ai professionisti della cura della persona, agli sportivi e più in generale a tutte le categorie considerate “non essenziali” per essere state gettate con tanta superficialità e noncuranza nell’incertezza del proprio futuro, anche prossimo. In particolare, poi, faccio fatica a nascondere lo sgomento per la pilatesca decisione di scaricare sui Sindaci gli aspetti più scabrosi della gestione dell’ordine pubblico, potenzialmente esplosivi. Il premier Conte dapprima cerca di secretare i verbali di ogni riunione avvenuta con gli esperti da febbraio ad oggi, poi pretende che ogni Comune faccia legge a se nello stabilire quali piazze, quali strade, quali esercizi debbano restare aperti e quali no. Magari, facendo rispettare le regole con quasi tutto il personale in smart working…”. “A questo punto, il premier Conte sia gentile: metta a disposizione le indicazioni del suo Comitato Tecnico Scientifico, ci dica cosa prevede in merito il famigerato piano Colao, ci indichi le risolutive decisioni assunte durante gli Stati Generali convocati con tanto sensazionalismo. Condivideremo volentieri gli eventuali risultati tangibili di questi mesi, che a noi sono purtroppo sfuggiti, con i nostri cittadini, contenti di poter dimostrare che il Governo centrale non ha perso tempo e sperperato risorse. Siccome però siamo autorizzati, visti i freschi precedenti, a cedere a un sano realismo, crediamo di dover da subito respingere il maldestro tentativo di chi crede di mandare i Sindaci (tutti, senza distinzione di appartenenza) in trincea al posto suo. Conte e i suoi ministri hanno responsabilità di Governo: e ora di esercitarla, accettando tutte le conseguenze del caso, senza scaricare decisioni sui Sindaci o, addirittura, colpe sui cittadini”. Questo quanto dichiara il sindaci di Civitavecchia, Ernesto Tedesco.