Musolino a grandi passi verso l’Authority, entro dicembre possibile insediamento

Musolino avrà tante gatte da pelare, da un traffico crocieristico ancora bloccato a causa della pandemia, alle tante vertenze in corso nello scalo, fino al cronico problema che riguarda il Porto, la penuria di flusso merci. Anche se la vera prima grana è legata alla mancata approvazione del bilancio

Prosegue la marcia di avvicinamento e avvicendamento da parte dell’avvocato Pino Musolino verso la poltrona più prestigiosa del territorio, quella di Molo Vespucci. Avvicendamento perchè è oramai segnato il destino di Francesco Maria Di Majo, colui che farà spazio proprio all’ex presidente dell’Authority di Venezia nel suo nuovo ruolo di timoniere dell’Adsp. Dopo i passaggi in Ministero e in Parlamento manca solo il semaforo verde definitivo, che potrebbe arrivare, insieme all’ufficialità, nei prossimi giorni. Comunque entro la fine del 2020. Musolino avrà tante gatte da pelare, da un traffico crocieristico ancora bloccato a causa della pandemia, alle tante vertenze in corso nello scalo, fino al cronico problema che riguarda il Porto, la penuria di flusso merci. Anche se la vera prima grana è legata alla mancata approvazione del bilancio, in un contesto economico che mette i brividi, e non solo a causa del coronavirus.