Morta in casa, più suicidio che omicidio: l’autopsia non scioglie tutti i dubbi

Per avere degli elementi in più bisognerà aspettare gli esami tossicologici

Nessun segno sul corpo, ma per avere degli elementi in più bisognerà aspettare gli esami tossicologici. Lo fa sapere il medico legale Luigi Cipolloni, come riporta il Messaggero di Civitavecchia quest’oggi, in relazione al decesso della donna 45enne di origine venezuelana trovata senza vita in un appartamento sito in via Fratelli Cervi, dove viveva con il marito. La cui versione, quella per la quale la moglie si sarebbe tolta la vita, adesso prenderebbe corpo. Da capire se la donna abbia assunto dei farmaci prima di morire.