Monsignor Ruzza nominato vescovo di Porto-Santa Ruffina

La diocesi unita a quella di Civitavecchia-Tarquinia in persona episcopi

Papa Francesco ha nominato vescovo della diocesi suburbicaria di Porto-Santa Rufina monsignor Gianrico Ruzza, vescovo di Civitavecchia-Tarquinia e finora amministratore apostolico di Porto-Santa Rufina, unendo “in persona episcopi” le due diocesi. Lo ha comunicato oggi alle 12 la Sala Stampa della Santa Sede e in contemporanea monsignor Ruzza ha dato lettura della lettera di nomina nell’auditorium della curia vescovile di Porto-Santa Rufina, dove erano stati convocati i consultori, i vicari foranei e i direttori degli uffici di curia. «Il cammino intrapreso insieme nei mesi scorsi, dal 5 maggio 2021, ci ha condotti – per volontà di Papa Francesco, cui va il mio pensiero di gratitudine e di piena comunione – a questo giorno. Ora, alla gioia che ho provato in veste di amministratore apostolico al mio ingresso nella nostra Diocesi suburbicaria, si aggiunge la consolazione. Sì, perché, assumendo la pienezza del ministero pastorale di Vescovo tra voi, desidero continuare a valorizzare le tante bellezze e potenzialità che ho potuto scoprire nei mesi scorsi. La consolazione è questa: camminare insieme, nella stagione del percorso solidale, è la scelta più autentica per rinnovare lo slancio missionario e la passione di annunciare il Vangelo del Signore Gesù», ha detto monsignor Ruzza in un passaggio del messaggio di saluto inviando un pensiero affettuoso al vescovo emerito Gino Reali. L’espressione latina “in persona episcopi” usata dalla Santa Sede indica che è un unico vescovo ad esercitare il ministero episcopale in due o più diocesi, mentre rimangono inalterate le strutture di ciascuna, come ad esempio le cattedrali, gli uffici di curia e gli organismi di partecipazione. Dopo la comunicazione della nomina il delegato ad omnia monsignor Alberto Mazzola ha rivolto un saluto affettuoso al nuovo vescovo esprimendo la gratitudine per l’affetto già dimostrato alla diocesi come amministratore apostolico.

Note biografiche. S.E. Mons. Gianrico Ruzza è nato il 14 febbraio 1963 a Lugnano in Teverina, Diocesi e provincia di Roma. Compiuti gli studi presso il Pontificio Seminario Romano Maggiore è stato ordinato il 16 maggio 1987 per la Diocesi di Roma. Dopo l’ordinazione ha conseguito la Licenza in Diritto Canonico presso la Pontificia Università Gregoriana. È stato Assistente e Vicerettore del Pontificio Seminario Romano Maggiore; Rettore di Santa Cecilia in Trastevere e di San Lorenzo de’ Speziali in Miranda; Amministratore Parrocchiale di San Pio X e Parroco di San Roberto Bellarmino. È stato inoltre Direttore dell’Ufficio del Clero del Vicariato, Assistente Ecclesiastico dell’Apostolato Accademico Salvatoriano, Segretario del Consiglio Pastorale Diocesano, Prefetto della Prefettura VI, Presidente dell’Istituto Interdiocesano per il Sostentamento del Clero delle Diocesi di Roma ed Ostia e Membro del Collegio dei Consultori. Nominato Vescovo titolare di Subaugusta l’8 aprile 2016, ha ricevuto l’ordinazione episcopale l’11 giugno successivo. Ha svolto il ministero episcopale a Roma come Vescovo Ausiliare per il settore centro (2016-2019) e ricoprendo l’ufficio di Prelato Segretario del Vicariato di Roma (2017-2019). Dal 2019 al 2021 è stato Vescovo Ausiliare di Roma per il settore sud. Il 18 giugno 2020 è stato nominato Vescovo di Civitavecchia-Tarquinia e il 5 maggio 2021 Amministratore Apostolico di Porto-Santa Rufina. All’interno della Conferenza Episcopale Italiana è Membro della Commissione Episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace e Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali dei Cattolici Italiani.