Minacce ed insulti alla ex, misura cautelare per un 42enne civitavecchiese

L’uomo era stato già in passato tratto in arresto e sottoposto a misure restrittive, proprio a causa dei continui maltrattamenti e delle minacce alla moglie

1040

Gli agenti del Commissariato di Polizia di Civitavecchia hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima, emessa dal GIP del Tribunale locale, nei confronti di P. A., 42enne civitavecchiese, con precedenti di Polizia, per il reato di minacce e molestie nei confronti della ex moglie. L’uomo era stato già in passato tratto in arresto e sottoposto a misure restrittive, proprio a causa dei continui maltrattamenti e delle minacce alla moglie. Inoltre, allo stesso, separato dalla donna da oltre 13 anni, era stata tolta la potestà genitoriale e vietato l’incontro con i figli. Ciò nonostante, il 42enne, negli ultimi mesi si era più volte presentato presso l’abitazione della vittima insistendo per incontrarli e vedere la donna che, però, impaurita dal suo comportamento aggressivo, gli ha sempre negato l’ingresso. A seguito dei dinieghi ad entrare in casa, l’uomo la insultava pesantemente minacciandola anche alla presenza dei figli minorenni. Agli inizi di gennaio, il 42enne, dopo l’ennesimo rifiuto della donna di incontrarlo e permettergli di entrare in casa ha danneggiato il campanello dell’abitazione e la maniglia del portone d’ingresso. L’uomo che si allontanava prima dell’arrivo delle Forze dell’ordine, in serata si ripresentava a casa della donna insistendo per entrare, fino a cercava di forzare la porta, prendendola a spallate. Solo dopo aver intuito che la donna aveva allertato la Polizia desisteva allontanandosi. A seguito di quest’ultimo episodio, gli agenti, dopo aver raccolto la denuncia della donna, sentito le testimonianze dei vicini e dei figli, hanno inoltrato la richiesta di misura cautelare al fine di porre termine ad una vera e propria “persecuzione” dell’uomo salvaguardando le condizioni di vita della vittima e della sua famiglia.

Sponsorizzato da