Maggioranza in subbuglio su Csp, Attig: “La Lega? Come il Movimento 5stelle”

"Vedere la Lega assumere le stesse posizioni politiche del Movimento 5 stelle, sia oggettivamente incredibile. Non si regolano i conti politici sulle pelle dei lavoratori di CSP, lo hanno già fatto altri, anche qualcuno molto vicino alla Lega che ha amministrato nei 10 mesi passati"

“Leggendo le ultime dissertazione sulla Csp giova ricordare che la nomina degli amministratori della Partecipata è stata, come correttamente indicato dal Vice Sindaco con delega alle società partecipate, determinata da una scelta, sia chiaro – legittima del Sindaco. Le continue critiche della Lega verso gli amministratori scelti dal Sindaco appaiono quindi oggettivamente insostenibili per un duplice motivo. Innanzitutto, da un punto di vista politico, che sia il partito del Sindaco, ogni giorno, a criticare gli amministratori scelti dal Sindaco stesso, rischia di diventare una spettacolo del quale gli altri componenti della maggioranza non possono che diventare attoniti e basiti spettatori. In secondo luogo, poi, mi sia permesso di sottolineare come vedere la Lega assumere le stesse posizioni politiche del Movimento 5 stelle, sia oggettivamente incredibile. Il Movimento 5 stelle nella sua follia gestionale ha fatto carne da macello di 400 dipendenti. Una azienda che ha il 56% del volume di affari nella igiene urbana, ha trasferito ad ACEA l’unico ingegnere ambientale che aveva. Gli amministratori 5 stelle convinti di aver fatto una bella operazione poiché avrebbero risparmiato i 70.000 della retribuzione dell’Ingegnere …non considerando però, che l’allontanamento dell’ingegnere ha determinato una confusione totale nella gestione del servizio che è andato in tilt con il risultato di oltre 2 milioni di euro di perdita di esercizio per il solo 2019. D’altra parte, come ovvio che sia nemmeno il più sciagurato degli armatori assegnerebbe il timone di un transatlantico ad un mozzo di bordo per risparmiare lo stipendio del comandante. Anche un bambino capirebbe, infatti, che il mozzo andrebbe prima o poi a sfracellarsi sugli scogli, così come è già successo per CSP. Tanto più che proprio in maggioranza lo stesso Carbone aveva fatto presente a tutti di tale volontà e nessuno dico nessuno ha manifestato parere contrario. Dire oggi con l’attuale situazione che in una società il cui volume di affari è costituito dalla Igiene ambientale al 56%, non serve un esperto di politiche ambientali … è veramente il massimo..i colleghi della Lega dovrebbero essere più costruttivi e collaborativi. Non si regolano i conti politici sulle pelle dei lavoratori di CSP, lo hanno già fatto altri, anche qualcuno molto vicino alla Lega che ha amministrato nei 10 mesi passati. I nuovi amministratori hanno tagliato già tutti gli sperperi fatti dai loro predecessori, sembrano avere una idea chiarissima della situazione sulle cose da fare, sebbene siano capitati nel bel mezzo di una doppia bufera: quella della crisi aziendale ereditata e quella della emergenza sanitaria che non ne sta certamente agevolando il lavoro. Il Presidente del Cda, il consigliere ed il Collegio dei revisori, si stanno mostrando giorno dopo giorno, all’altezza del difficilissimo compito al quale sono stati chiamati. Si dimostrino i nostri consiglieri almeno alla loro altezza. Li lascino lavorare in pace perché sicuramente i manager scelti dal Sindaco ne sanno più di molti di quelli che stanno criticando ogni giorno, senza avere la benché minima cognizione di causa”, lo afferma Fabiana Attig, Capo Gruppo Lista Grasso.