M5Stelle-Pd e la strana alleanza. Cozzolino è ancora “duro e puro”: “Su Rousseau ho votato No”

A Civitavecchia c'è chi il momento lo vive con grande amarezza, è il caso dell'ex sindaco Antonio Cozzolino. Lui si, un "duro e puro" a 5 stelle

Quella fra M5stelle e Pd, a livello nazionale è una strana alleanza, a maggior ragione si si pensa all’indicazione di fare squadra anche nei contesti locali. Così, dall’oggi al domani e senza un briciolo di condivisione di progetto politico. A Civitavecchia c’è chi il momento lo vive con grande amarezza, è il caso dell’ex sindaco Antonio Cozzolino. Lui si, un “duro e puro” a 5 stelle. “Si tratta della mia personale opinione e non di quella del gruppo di Civitavecchia che si formerà nelle riunioni e nelle discussioni a venire – premette – ma l’esito del voto mi ha lasciato con l’amaro in bocca. Ai due mandati per i consiglieri comunali ho votato “SI”, anche se francamente avrei formulato diversamente la proposta suggerendo di derogare solo per un eventuale secondo mandato da sindaco. Ma all’alleanza con i partiti tradizionali ho scelto un “NO” convinto. Le coalizioni ti costringono a derogare ai tuoi principi e a piegarti al compromesso e non tutti i compromessi si possono codificare in un contratto o in un programma elettorale. Aspetto con ansia gli stati generali, che francamente sono già in ritardo”.