Lite in famiglia: prova a defenestrare sua figlia. Arrestato per tentato omicidio

Nell’appartamento i poliziotti hanno trovato due donne e tre figli minori, di cui una in forte stato di agitazione; quest’ultima dapprima tranquillizzata, e poi sentita dagli agenti, ha confermato il tentativo da parte del padre di gettarla giù dal balcone

E’ accaduto ieri sera in Largo Ferruccio Mengaroni. La segnalazione giunta alle pattuglie del Reparto Volanti era quella di una lite in famiglia, con tentativo del padre di defenestrare sua figlia. Nell’appartamento i poliziotti hanno trovato due donne e tre figli minori, di cui una in forte stato di agitazione; quest’ultima dapprima tranquillizzata, e poi sentita dagli agenti, ha confermato il tentativo da parte del padre di gettarla giù dal balcone raccontando che, durante una lite per futili motivi, l’uomo, separato dalla madre ma convivente ancora sotto lo stesso tetto, ha iniziato ad aggredirle prima verbalmente, per poi passare alle vie di fatto. Ha poi sollevato la sedia dove la minore era seduta, minacciando di buttarla fuori dalla finestra. Sono immediatamente intervenute in suo aiuto la madre ed un’ amica di quest’ultima, presente nell’appartamento, che hanno così scongiurato il peggio. A quel punto l’uomo, afferrata al collo l’ex moglie, si è poi dato alla fuga. Intervenuti repentinamente gli agenti delle Volanti lo hanno rintracciato e bloccato all’ingresso del condominio. Identificato per S.M., romano, di 32 anni, è stato accompagnato negli uffici del Commissariato Casilino, dove è stato arrestato per tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia e poi accompagnato a Regina Coeli. Sul posto è stato richiesto l’intervento di personale medico che ha provveduto ad accompagnare la madre e la figlia in ospedale per le cure del caso. Entrambe sono state dimesse, la prima con 5 giorni di prognosi per trauma contusivo alla base del collo e la minore con 1 giorno per trauma da aggressione.