Le nuove nascite crollano e la tendenza dei decessi è in peggioramento

I dati messi insieme dal Movimento per la vita Civitavecchia: "Nel 2022 sono nati 284 bambini mentre i decessi sono stati 617"

Domenica prossima 4 febbraio ricorre la 46esima giornata per la Vita, indetta dai Vescovi italiani dal 1978, per riflettere sulle sfide portate al primo e fondamentale tra i diritti dell’uomo, il diritto alla vita, minacciata oggi dal concepimento alla morte naturale. Non solo guerre, uccisioni e violenze, contro civili, donne e bambini, ma alla vita stessa dal suo primo sorgere nel seno materno. E’ oggi fondamentale avere la consapevolezza del dato relativo agli aborti volontari praticati in città, raffrontato al numero dei nati e dei decessi, che abbiamo ricostruito, dal 1978 ad oggi : in città, negli ultimi 46 anni, sono nati 21.958 bambini, sono deceduti 21.686 cittadini, ed infine – il dato complessivo è impressionante – gli aborti praticati sono stati 9.090 ! Un dato allarmante, che deve farci riflettere, in quanto quei bambini non nati oggi rappresenterebbero il futuro e la speranza per la nostra città, nella quale, ormai da anni, i decessi superano le nascite.

Nel 2022, ad esempio, sono nati 284 bambini mentre i decessi sono stati 617, con un saldo negativo – 333, che significata che le persone decedute superano di 333 unità i bambini nati. 8 anni fa, nel 2006, nascevano ancora 507 bambini, ben 303 in più rispetto ad oggi.  Quel che è peggio è che sono venuti a mancare coloro che oggi sarebbero stati in grado di generare, e cioè adulti di 40 e 30 anni. Il saldo negativo degli ultimi 9 anni è stato di circa 1500 unità e con il passare del tempo il saldo sarà ancora più pesante.

Nel mese di maggio dello scorso anno organizzammo nell’aula Pucci un convegno con il Prof. Blangiardo, allora Presidente ISTAT, il quale avvertì : “Se in una città o in una società non nascono figli crolla tutto, se non nascono figli crollano i sistemi di welfare, i consumi, il sistema delle pensioni non regge. Non saremo in grado di costruire un futuro nel nostro paese.” I bambini sono veramente il nostro futuro.

Tutti gli studi economici confermano che l’invecchiamento della popolazione affossa l’economia, in quanto un numero crescente di anziani deve essere sostenuto da un numero sempre più basso di lavoratori.

“Per fare un esempio, che rispecchia in percentuale la realtà , immaginiamo un Paese dove vivono 100 persone, di cui solo 14 sono bambini o ragazzi minorenni. E questi giovani sono i 14 nipoti attorno a cui gravitano ben 19 nonni, cui si aggiunge la presenza di ben altri 15 bisnonni. Nel complesso due anziani – diciamo pure “diversamente giovani” – per ogni loro nipote”

Manca dunque un sostegno alla maternità ed alle famiglie, alle madri che, da sole, devono spesso affrontare il peso della gravidanza e della cura dei figli. Una responsabilità enorme, per cui rinnoviamo l’appello alla politica, anche locale, affinchè abbia maggior coraggio nell’esporsi con scelte che, se anche non pagano nell’immediato, siano capaci di dare una svolta decisa agli orientamenti sul fronte della natalità.

In questa situazione di declino demografico, il Movimento per la vita cerca di venire incontro alle donne ed alle famiglie che sono in difficoltà per la gravidanza, offrendo aiuto materiale concreto ed un ascolto capace di infondere coraggio e speranza : durante 42 anni di servizio e volontariato, a Civitavecchia, abbiamo potuto donare, a tante famiglie, la gioia di accogliere serenamente i propri figli.

Soltanto con “progetto gemma”, in questi anni, sono nati 200 bambini, destinati ad essere abortiti, ed altre centinaia di famiglie hanno ricevuto migliaia di capi di vestiario, confezioni di latte in polvere, pannolini , omogeneizzati, centinaia di carrozzine, passeggini, lettini, e tutto quello che può servire ai neonati e alle loro mamme, offrendo a volte anche assistenza e consulenza medica.

“Ci impegniamo a nome di tutti i 500 tra Movimenti, Centri di Aiuto alla Vita, Case di Accoglienza- ha affermato la nostra Presidente nazionale Marina Casini – a comunicare…con tutti i mezzi culturali a nostra disposizione, che la vita è un dono, che ogni essere umano, donna o uomo, senza discriminazione alcuna, ha pari dignità dal momento della fecondazione fino alla morte naturale che ogni vita è degna di essere vissuta. Continueremo, quindi, ad impegnarci per essere argine alla cultura della morte, a ogni ideologia mortifera, alla banalizzazione dell’aborto, che non è un diritto, alla sottocultura eutanasica, alla violenza contro donne, bambini nati e nel grembo materno, malati, anziani, disabili, stranieri… affinché non ci siano più vite negate”.

Chiediamo dunque che vengano destinate più risorse alle famiglie ed alle giovani coppie che intendono rendersi partecipi della trasmissione della vita e coronare il loro amore con i figli.

La nostra associazione è a disposizione delle mamme in difficoltà per la gravidanza nella nostra sede Via san Francesco di Paola,1 Civitavecchia ogni Martedì e Venerdì, con orario dalle 16 alle 17. Ogni mercoledì, alle 17.00, incontro di preghiera per la vita presso la cappella dell’ospedale San Paolo. Movimento per la vita Civitavecchia – Fausto Demartis. Dati anagrafe Civitavecchia e A.S.L. ROMA4.