Lazio in odore di zona gialla, i commercianti tornano a sperare

Urge un segnale di riapertura, ovviamente in sicurezza, per venire incontro alle esigenze, sacrosante, degli esercenti

Si apre una settimana cruciale per le possibili riaperture. Il Lazio è fra le regioni che spera di tornare in zona gialla, magari già a partire dal 20 di aprile. Tre i fattori che incidono nella decisione che dovrà prendere il governo. Le prime due di carattere sanitario, con l’indice RT legato al trend dei nuovi contagi e le somministrazioni di vaccini nei vari territori. Da questo punto di vista il Lazio è messo abbastanza bene in entrambi i casi: i contagi stanno calando in modo significativo e la nostra regione è fra le più virtuose nella destinazione dei sieri anti-covid. Il terzo motivo è figlio delle proteste dei commercianti che si stanno facendo sempre più frequenti e agguerrite. Urge un segnale di riapertura, ovviamente in sicurezza, per venire incontro alle esigenze, sacrosante, degli esercenti.