Ladispoli, Lazzeri: “Con la De.C.O. promuoveremo il territorio e i suoi prodotti”

"L'obiettivo è quello di dare una identità riconosciuta ad un prodotto territoriale locale, primo fra tutti il carciofo, ma non solo"

154

Recuperare la memoria storica e le tradizioni agroalimentari della Città. E’ questo l’ambizioso obiettivo posto dall’assessore al Commercio, Attività Produttive, Servizi Informatici, Servizi Anagrafici e Comunicazione, Francesca Lazzeri, che sottolinea “Il 2020 sarà l’anno del marketing territoriale. Recupereremo le basi di questo progetto iniziato da Roberto Battillocchi circa 20 anni fa, vista l’importanza lo tireremo fuori da quei cassetti in cui è rimasto per troppo tempo. L’obiettivo è quello di dare una identità riconosciuta ad un prodotto territoriale locale, primo fra tutti il carciofo, ma non solo. Se ci entusiasmiamo per un “risotto alla milanese”, un “lasagna alla bolognese”, per un “coniglio all’ischitana”, per un “polpo alla luciana” perchè non credere fino in fondo nelle nostre capacità, nelle capacità del territorio, nei prodotti della nostra terra e del nostro mare e renderlo un alimento o un piatto “alla ladispolana” universalmente riconosciuto?

Vista l’inarrestabile globalizzazione e la sempre più invadente omogeneizzazione dei gusti, dobbiamo vedere lo strumento delle De.Co. come una tutela di quelli che Veronelli definiva “giacimenti gastronomici”, una ricchezza per il territorio e per chi lo vive. Ecco che le Denominazioni Comunali diventano la via per far sì che gesti e saperi non si perdano, contribuendo a fermare la politica delle multinazionali interessate alla promozione degli OGM, gli organismi geneticamente modificati. Da questo bagaglio culturale – conclude l’assessore Lazzeri – si struttura il movimento delle De.Co. in difesa dei sapori, dei saperi e delle tradizioni di cui è fatto il nostro territorio nazionale. Movimento, vale la pena di sottolinearlo, a cui la nostra città è già iscritta da anni. Ora è giunto il momento di investire su quel marketing territoriale che porterà nuova linfa alla nostra economia.”