Ladispoli, il sindaco Grando: “Dopo 14 anni di attesa il Comune cede finalmente i terreni alla Parrocchia San Giovanni Battista”

"Con questo atto la Parrocchia potrà finalmente disporre a pieno titolo delle aree limitrofe alla Chiesa e potrà programmare l'ampliamento delle sue strutture, realizzando un oratorio per il quartiere Caere Vetus. Si tratta quindi di una risposta importante che il Comune riesce finalmente a dare nei confronti di uno dei quartieri più popolati di Ladispoli"

112

“Con grande gioia e soddisfazione – afferma il sindaco Alessandro Grando – comunico alla città che dopo 14 lunghi anni di attesa si è finalmente conclusa la procedura per la cessione dei terreni di via Benedetto Croce e via Enrico Fermi alla Parrocchia San Giovanni Battista. Fin dal nostro insediamento abbiamo lavorando per perfezionare questo iter amministrativo, iniziato tanti anni fa e mai portato a compimento.
Con questo atto la Parrocchia potrà finalmente disporre a pieno titolo delle aree limitrofe alla Chiesa e potrà programmare l’ampliamento delle sue strutture, realizzando un oratorio per il quartiere Caere Vetus. Si tratta quindi di una risposta importante che il Comune riesce finalmente a dare nei confronti di uno dei quartieri più popolati di Ladispoli.
Se siamo riusciti ad arrivare a questo lieto fine – ha concluso il sindaco– è perché alle spalle c’è stato il lavoro di diversi amministratori, appartenenti anche alle precedenti consiliature, e quindi a tutti loro va riconosciuto il merito di aver lavorato a vario titolo su questo importante progetto.
Rivolgo infine un ringraziamento particolare per la preziosa collaborazione al nostro Vescovo Mons. Gino Reali, ai funzionari della Diocesi di Porto Santa Rufina, a Padre Alberto Filippi della Parrocchia San Giovanni Battista e a tutti gli Uffici comunali che hanno lavorato insieme al sottoscritto in questi mesi”.