La scuola elementare di Allumiere riapre i battenti. Pasquini: “Giornata importante per noi”

"Quello nella scuola, è un investimento a lungo termine da parte di chi crede che i processi formativi e culturali siano fondamentali strumenti di crescita e sviluppo sociale"

804

Dopo cinque anni di stallo, la scuola elementare di Allumiere ha riaperto i battenti. Ieri mattina, alla presenza di numerosi concittadini, delle autorità locali, delle forze dell’ordine, della Protezione Civile e di illustri convenuti quali il senatore Bruno Astorre, i consiglieri regionali David Porrello, Michela Califano e Marietta Tidei, il senatore Bruno Astorre, il direttore della centrale Enel, Carlo Ardu, il rappresentante dei rapporti istituzionali per il Lazio, Pierpaolo Ventura, il vice presidente della Fondzione Cariciv, Valentino Carluccio (che ha anche regalato una lim ai ragazzi), la presidente dell’Unicef, Pina Tarantino, il vescovo Monsignor Luigi Marrucci e il parroco, don Stefano, il sindaco Antonio Pasquini ha tagliato, non senza commozione, il nastro di inaugurazione del nuovo plesso di Piazza Turati per resituirlo ad alunni e docenti della scuola primaria. Dopo l’introduzione del Dirigente Scolastico, Laura Somma, la quale ha sottolineato l’importanza del lavoro portato avanti in sinergia tra scuola e comune, il sindaco Pasquini ha evidenziato come, oltre alla messa in sicurezza e alla funzionalità dell’edificio, ne sia stata curata anche l’estetica. La struttura scolastica è infatti dotata non solo di una palestra ampia e funzionale, ma anche di due mense (una per i bambini celiaci) e di molte aule luminose, che sono state dipinte con i colori dell’arcobaleno. In primis, perchè il colore nelle aule favorisce l’apprendimento e la coesione tra pari, e poi perchè l’arcobaleno simboleggia il ponte tra passato e futuro. “Quella di ieri – ha dichiarato il sindaco, in accordo con gli assessori Tiziana Cimaroli (pubblica istruzione) e Brunella Franceschini (cultura) – è stata una giornata davvero importante, non solo per il traguardo raggiunto, ma anche per il valore che questa amministrazione attribuisce alla formazione e alla cultura. Quello nella scuola, è un investimento a lungo termine da parte di chi crede che i processi formativi e culturali siano fondamentali strumenti di crescita e sviluppo sociale. Ringraziamo di cuore i tanti che hanno contribuito al raggiungimento di questo obiettivo, che sarà il primo di una lunga serie. La riapertura della scuola primaria rappresenta una vittoria collettiva, alla quale hanno contribuito tutti gli attori principali, ciascuno secondo le proprie possibilità. Ringraziamo tutti i convenuti, che hanno dato ulteriore lustro all’evento, l’ufficio tecnico, le forze dell’ordine, la Protezione Civile, la cooperativa Alfa, le ditte locali e la famiglia Quartieri dell’isola del Pescatore per la consueta generosità. Nel riconsegnare ai legittimi proprietari un assetto più consono e in linea con le norme vigenti, auguriamo a tutti un buon inizio di anno”. Intanto procedono i lavori di restyling nel plesso di via del Faggeto, dove sono in corso lavori di manutenzione interna ed esterna. Il servizio mensa verrà invece riattivato a partire dal prossimo 2 ottobre. L’on. Bruno Astorre ha sottolineato: “Come senatore del collegio sono stato a salutare gli oltre 200 bambini che hanno iniziato l’anno scolastico. Ad accoglierli una bellissima scuola finalmente ristrutturata e messa a norma, la loro seconda casa per i prossimi mesi, un luogo dove crescere, imparare, sorridere”. L’on. Marietta Tidei ha invece commentato: “È stato emozionante sentire il senso di comunità, di appartenenza, la vivacità e la felicità dei bambini che si respirava all’inaugurazione. Anche qui regione Lazio lascia un segno tangibile della sua presenza ed attenzione per le realtà locali, avendo contribuito, con altri soggetti, ai lavori di ristrutturazione. Auguri buon lavoro agli insegnanti e ai bambini che finalmente potranno portare avanti la didattica in assoluta sicurezza”.