La maggioranza dalla parte dei lavoratori di Port Mobility: “Salvaguardare livelli occupazionali”

"La spada di Damocle pende sul capo di 26 persone che oggi rischiano di perdere il proprio posto di lavoro"

I Capigruppo di maggioranza si schierano dalla parte dei lavoratori della Port Mobility coinvolti in un processo di riorganizzazione aziendale. “La spada di Damocle pende sul capo di 26 persone che oggi rischiano di perdere il proprio posto di lavoro. Nello specifico non comprendiamo la scelta, da parte della società, di rinunciare agli ammortizzatori sociali essendo la stessa operante in un settore che ha sia delle prospettive di ripartenza che dei progetti in essere. Un’opzione azzardata, precipitosa e sbagliata che dovrebbe essere valutata attentamente per evitare che tante famiglie subiscano ulteriori ripercussioni economiche e sociali. La situazione portuale ha visto altre numerose aziende stringere i denti e aderire alla cassa integrazione ordinaria per mantenere stabili i livelli di occupazione e tutelare validi dipendenti. La stessa amministrazione ha sempre operato con il fine ultimo di salvaguardare il lavoro delle sue partecipate, tagliando e frenando spese superflue così da non dover sacrificare i lavoratori. Nessuno si aspetta la prosperità vista negli anni passati, ma solo scelte responsabili e razionali. Esprimiamo pertanto la nostra ferma volontà di lottare per la salvaguardia totale dei livelli occupazionali, dando mandato al Sindaco di vigilare sul processo in atto presso Port Mobility. Così come il Comune, davanti allo tsunami socio-economico che si è abbattuto sul territorio, si è rimboccato le maniche ottenendo il 20% totale dei finanziamenti nazionali per il comparto crocieristico, così ci aspettiamo che altri attori economici non scarichino semplicemente sulle spalle dei lavoratori e delle loro famiglie il disagio di questi due anni dopo aver incassato dividendi negli anni precedenti. Ci aspettiamo infine da parte delle sigle sindacali e dalla stampa  locale particolare attenzione a questa vertenza così importante e ingiustificata”.