Karate, la Meiji Kan fa il pieno di medaglie al memorial “Spartaco Pucci”

Al Palasport la società locale ha conquistato 28 medaglie tra le quali brillano gli ori di Barletta, Restante e Scala

E’ stata veramente una bella edizione quella del 14° Memorial “Spartaco Pucci”, organizzato dalla Meiji Kan al Palazzetto dello Sport di Via Barbaranelli. La manifestazione, patrocinata dalla FIK (Federazione Italiana Karate), ha visto la partecipazione di ben 327 giovani atleti in rappresentanza di 34 società provenienti da tutto il Lazio e l’Umbria che si sono confrontati un una appassionante gara di kata (forme) applauditi e sostenuti in maniera rispettosa ed educata, dalle centinaia di mamme, papà ed amici convenuti sugli spalti dell’impianto civitavecchiese. La società organizzatrice della MEIJI KAN, ha conquistato ben 28 medaglie nelle varie categorie tra le quali brillano gli ori di Alessandro Barletta (nella classe seniores ), Elisa Restante ( cadetti) e Jacopo Scala (Speranze) e del bravo Mattia Pernici allievo della maestra Virginia tesserato con la asd HAYASHI-HA di San Gordiano. Alla fine tutti i partecipanti sono stati premiati e la commemorazione del grande uomo di sport che fu Spartaco Pucci è stata rispettata in uno spirito di grande amicizia. Spartaco Pucci, ci piace ricordarlo brevemente, è stato uno dei pionieri dell’intero sport civitavecchiese: buon pugile (peso medio) negli anni ’40, portò con il suo maestro, il romano Camillo de Giovanni, la pallanuoto a Civitavecchia trasformando il “rugby marino” che si giocava al Pirgo in quegli anni, nella pallanuoto con le sue regole ed i suoi idoli, come la conosciamo oggi. Giocatore, capitano, allenatore della SNC, fondata da lui ed altri 8 soci fondatori nel 1948, trovò i fondi con i suoi compagni di avventura per far costruire nel 1950 la piscina di Largo Caprera. Scopritore di tanti talenti (uno su tutti il grande Marco Galli da lui lanciato tra gli Allievi della SNC nella stagione 1970) Spartaco fu Presidente della MEIJI KAN karate per 29 anni piazzando la sua società di “provincia” tra le prime 10 società d’Italia nella speciale classifica della FIJLKAM per ben 20 anni consecutivi. Giornalista sportivo, fu corrispondente, tra l’altro, per la prestigiosa rivista americana “Boxe Ring” ed arbitro nazionale di pallanuoto tra i migliori della serie “A”, negli anni ‘60/’70 e Commissario di Campo FIN negli anni ’80. Il CONI lo ha insignito della Stella al Merito sportivo nel 1993.
“La nostra è la terza generazione di una famiglia di autentici sportivi – dichiara commossa Stefania Pucci, professoressa IUSM e nipote di Spartaco – ed io e mia sorella Virginia, siamo veramente orgogliose di quanto fatto per lo sport da nostro padre Stefano e da nostro nonno Spartaco”.