«Abbiamo appreso del gravissimo incidente avvenuto sull’A12 nel tratto Roma Civitavecchia che ha coinvolto 4 operai della ditta Avr. Siamo sconvolti. In attesa di conoscere ulteriori dettagli sulla dinamica dell’incidente, esprimiamo tutta la nostra vicinanza alla famiglia dell’operaio deceduto e ai suoi colleghi rimasti feriti». Così, in una nota, la Cgil di Roma e del Lazio. «Gli incidenti sul lavoro – continua la nota – sono in crescita continua ed è questa la vera emergenza del paese. È necessario riattivare da subito un sistema di controlli e sanzioni che intervenga sulle imprese che non rispettano le regole, anche partendo da un piano straordinario di assunzioni nel sistema dei controlli del pubblico impiego».
«Ancora una giornata funestata da tanti gravissimi incidenti su lavoro. A Taranto, all’ ex Ilva, una persona è dispersa per il crollo della gru dove morì nel novembre del 2016 un altro operaio. A Brindisi un operaio di 57 anni è morto sul lavoro folgorato. Un altro operaio morto e tre colleghi feriti in un cantiere di un’impresa esterna sulla A12, Roma-Civitavecchia. È un bollettino di guerra inaccettabile che indigna il sindacato e tutti i lavoratori italiani. La sicurezza sul lavoro è sempre di più una questione nazionale che non trova le giuste risposte dalle istituzione e dalle imprese.» Lo dichiara la Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan.