Immondizia Capitale e inceneritore, il territorio deve respingere gli “assalti” di Roma

Sabato sera ci ha pensato la sindaca di Roma Virginia Raggi a rovinare il weekend ai cittadini del comprensorio con l'annuncio shock sui rifiuti in eccesso (causa chiusura momentanea della discarica di Colleferro) da impacchettare e spedire, guarda un po', a Civitavecchia

Due spauracchi, molto concreti, da scacciare il prima possibile, costi quel che costi. Il territorio è tornato sotto “attacco” della politica romana e non solo. Non è passata neanche una settimana dal consiglio regionale dedicato ai rifiuti, nel quale si è parlato anche del possibile inceneritore da realizzare fra Tarquinia e Civitavecchia. Sabato sera ci ha pensato la sindaca di Roma Virginia Raggi a rovinare il weekend ai cittadini del comprensorio con l’annuncio shock sui rifiuti in eccesso (causa chiusura momentanea della discarica di Colleferro) da impacchettare e spedire, guarda un po’, a Civitavecchia. Grazie al cielo c’è stato, almeno a parole, un fronte comune contro la prima cittadina della Capitale, anche da chi gioca nella sua stessa squadra, vedi il vice presidente del consiglio regionale in quota 5 stelle Devid Porrello. Di certo quella che sta per iniziare sarà una settimana calda sul fronte rifiuti, anche perchè mercoledì ci sarà il secondo round alla Regione dove, oltre a parlare nuovamente di inceneritori, a questo punto, nella nuova seduta si toccherà quasi sicuramente anche l’argomento di questi giorni e il territorio tornerà, ahinoi, ad essere protagonista.