Il tarquiniese Leandro Piccioni vince il David di Donatello

Un nuovo importante riconoscimento, per un artista che ha suonato nei più grandi teatri italiani e internazionali, composto colonne sonore per molti film ed è strettissimo collaboratore di Ennio Morricone

592

Il compositore tarquiniese Leandro Piccioni e l’Orchestra di Piazza Vittorio vincitori del David di Donatello come miglior musicista per il film “Il flauto dell’orchestra di piazza Vittorio”, una rilettura pop dell’opera di Mozart.
Un’edizione particolare, per via del Covid-19.
La premiazione è stata trasmessa ieri sera da Rai 1 e si è svolta senza pubblico e con il conduttore, Carlo Conti, da solo in studio a dettare i ritmi presentando gli artisti collegati da casa via web.
Per Piccioni è la seconda nomination al David di Donatello. La prima nel 2008 per l’orchestrazione di “Amore Fermati”, cantata da Peppe Servillo. Un nuovo importante riconoscimento, per un artista che ha suonato nei più grandi teatri italiani e internazionali, composto colonne sonore per molti film ed è strettissimo collaboratore di Ennio Morricone.
Il pianista e compositore tarquiniese aveva suonato anche per il concerto evento della cerimonia d’intitolazione del teatro comunale di Tarquinia “ Rossella Falk” svoltosi il 21 dicembre scorso.