Il sindaco Tedesco a Bignotizie: “Ci aspettano sfide difficili. Serve sinergia con gli altri Comuni”

Confronto con il primo cittadino, si parla delle imminenti "partite" politiche e amministrative che la Giunta Tedesco dovrà giocare e, possibilmente vincere

332

All’orizzonte si intravedono delle sfide durissime per il Comune di Civitavecchia, sia in tema ambientale che sul fronte della tutela dell’occupazione. Ne è consapevole il sindaco Ernesto Tedesco, intervistato dalla nostra redazione il giorno dopo Ferragosto. Un momento di quiete, prima della tempesta legata alle numerose emergenze amministrative. Si parte dall’ipotesi del termovalorizzatore: “Noi siamo assolutamente contrari – ribadisce il primo cittadino – i consigli comunali congiunti con Tarquinia hanno rappresentato un bellissimo momento di sinergia. Ecco, la chiave sta proprio qui. Se saremo capaci di fare squadra con gli altri Comuni del territorio, allora ce la potremmo fare. E il discorso vale anche per altre “partite”, non soltanto per il termovalorizzatore. Un conto è presentarsi in Regione o al Ministero da soli, un altro è farlo insieme ad altre cinque realtà. E’ su questo che dobbiamo lavorare nel prossimo futuro”. Un Governo “tampone” Movimento 5Sstelle-Pd potrebbe cambiare gli scenari: “Vedremo quello che accadrà – afferma Tedesco – quando hai dei Ministri del tuo partito o della tua area politica fai più in fretta ad attivarti, ma spero che le istanze del nostro territorio non vengano trascurate da qualsiasi partito vada al Governo”. “Ad ogni modo sono un po’ preoccupato – ammette – è chiaro che il nostro è un territorio preso di mira. La vicenda dei rifiuti di Roma, il termovalorizzatore, la prospettiva del turbogas in più presso la Centrale. Ci attendono delle battaglie durissime, ma noi siamo qui per difendere gli interessi di Civitavecchia”. Il sindaco interviene anche sulla questione Fiumaretta, smentendo che si possa riprendere il progetto della passata amministrazione, quella di Cozzolino. “Quell’area va ripensata in un modo diverso. Lo abbiamo detto anche in campagna elettorale, restiamo di questo avviso”. Infine si parla anche dei dissidi interni al suo partito, la Lega locale. “Questa situazione mi dispiace, non potrebbe essere altrimenti. Non sono in ansia, i rapporti con tutti sono positivi e concreti. Nei partiti è anche fisiologico che ci siano delle frizioni e dei confronti, auspico comunque che torni la serenità al più presto all’interno della Lega”.