Il presidente della Commissione Trasporti Paita in visita al Porto: “Pieno sostegno col Recovery”

Presente all'incontro tutti i capigruppo della Commissione e il deputato del territorio Battilocchio

L’Onorevole Raffaella Paita, Presidente della IX Commissione permanente della Camera dei Deputati (Trasporti, Poste e Telecomunicazioni) è stata in visita al porto di Civitavecchia insieme ai capigruppo della stessa Commissione. A fare da padrone di casa il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale Pino Musolino. Insieme hanno tenuto una conferenza stampa, nella quale hanno parlato di progetti e futuro per lo scalo marittimo civitavecchiese.

Il Presidente dell’Authority. “Sono felice che la commissione e il presidente ci abbiano fatto visita e abbiano fatto sentire un sostegno profondo – ha commentato il numero uno di Molo Vespucci -. C’è la consapevolezza di aprire un confronto con un porto che in questo momento è un po’ in difficoltà. I container? Ci servono infrastrutture, un’adeguata strategia e un pacchetto completo”.

Il Presidente della Commissione. “Abbiamo deciso di inaugurare la nuova fase della Commissione con un sopralluogo in un Porto importante ma che deve essere sostenuto con progetti e risorse. Con il presidente Musolino c’è unione di intenti. Gli abbiamo chiesto di elencarci le principali criticità che caratterizzano lo scalo. Il focus sarà puntato su banchina e Civitavecchia-Orte. Poi ci sono altri progetti, come ad esempio la trasformazione della Centrale Enel, so che Musolino ha già avviato un dialogo significativo con l’azienda. Le potenzialità su Civitavecchia sono enormi. Parallelamente allo sviluppo crocieristico potrebbe esserci un’implementazione del porto mercantile. Con la rivisitazione del piano per il Recovery Fund cercheremo di integrare i progetti che riguardano questa realtà”.

Il deputato del territorio. Presente all’incontro anche il parlamentare di Forza Italia e del territorio Alessandro Battilocchio: “Il tema del Recovery è fondamentale per il rilancio del Porto di Roma. Nella precedente visione c’era un palese sbilanciamento verso altri scali, come Trieste e Genova. Priorità su azione per darsena grandi masse, Civitavecchia-Orte e revisione della rete Core entro il 2022”.