Il “Luxury Food” all’Istituto Stendhal, gli studenti alla scoperta dei cibi di lusso

L’obiettivo del corso di formazione è fornire allo studente una competenza tale da renderlo autonomo all’interno del contesto professionale sia esso ristorante, wine bar, hotel o cantina

126

Una serie di seminari dal titolo intrigante “Luxury Food” per offrire agli studenti dell’Alberghiero Cappannari una conoscenza più approfondita sul servizio del Tartufo, Caviale e Ostriche e le tecniche di abbinamento. “La gastronomia italiana, grazie al suo ventaglio di colori e sapori e al suo patrimonio di tradizioni culinarie regionali, è tra le più ricche apprezzate al mondo – spiega l’ideatore del corso  Davide Verzì, Sommelier e Bartender, esperto in marketing e comunicazione del vino e attualmente impegnato presso il ristorante Estro a Civitavecchia. “Negli ultimi anni, tuttavia, ad arricchire l’eterogeneità della nostra cucina vi sono i cosiddetti Luxury Food, ovvero cibi che un tempo erano destinati a creare un menu per grandi occasioni, ma che ora hanno iniziato a diffondersi capillarmente sulle nostre tavole”. E così gli studenti delle classi 5° dei corsi diurni e di quelli di istruzione per adulti, hanno cominciato a introdursi nel panorama dei cibi di lusso. Il corso ha infatti lo scopo  di far conoscere questi prodotti in tutta la filiera, dalle loro  al servizio e al  loro abbinamento e si articola in una fase teorica per passare ad una sperimentazione pratica” ha spiegato il professor Calabrese “all’interno di  un vero contesto aziendale del settore”. L’obiettivo del corso di formazione è fornire allo studente una competenza tale da renderlo autonomo all’interno del contesto professionale sia esso ristorante, wine bar, hotel o cantina. Dunque un’occasione in più per gli studenti per qualificarsi e prepararsi all’inserimento nel mondo dell’alta ristorazione.