Il Cappannari presenta le “Belle Merende” al Ministero dell’Istruzione

Grazie alla collaborazione dei produttori locali, già partner nel progetto “A Tavola col Produttore”, il Cappannari proporrà una serie di alternative alla “merendina” industriale basate appunto sulla stagionalità e sulla territorialità

188

Il 30 gennaio l’Istituto Stendhal, indirizzo Alberghiero Cappannari, scelto  dal Ministero della Pubblica Istruzione per l’iniziativa pilota “Le Belle Merende” sarà a Viale Trastevere per la presentazione di alcune proposte alimentari. Il progetto nasce dalla volontà di sollecitare una riflessione ad ampio respiro sull’educazione alimentare coinvolgendo il tema della salute e del benessere ma anche della territorialità, della stagionalità, della tradizione e del rispetto dell’ambiente. Grazie alla collaborazione dei produttori locali, già partner dell’Alberghiero cittadino nel progetto “A Tavola col Produttore”, il Cappannari proporrà una serie di alternative alla “merendina” industriale basate appunto sulla stagionalità e sulla territorialità. “Abbiamo lavorato sul tema della memoria e della tradizione” spiega la Dirigente Scolastica professoressa Stefania Tinti “così proporremo dei finger food di ricotta locale con miele e cannella, cialdine croccanti di pane dolce, alcuni tradizionali dolci di carnevale e il classico pane olio e sale, pane di Allumiere naturalmente e olio  del Frantoio Olitar di Tarquinia . Poi i centrifugati di verdure e gli spiedini di frutta con la preziosa collaborazione della Tenuta Gattopuzzo”. La presentazione delle “Belle Merende” è l’inizio di un percorso che vedrà protagonisti gli studenti dell’alberghiero. Il passaggio successivo è infatti creare una rete di peer educator  con gli studenti delle scuole Medie finalizzata a trasferire le conoscenze e le competenze dell’educazione alimentare attraverso laboratori tematici. “Siamo davvero orgogliosi di questa opportunità che è stata riservata al nostro Istituto, che valorizza un orientamento che perseguiamo da tempo e che trova un suo riconoscimento in questo progetto pilota”. Infatti sono solo due gli Alberghieri selezionati per questa sperimentazione il Cappannari che in questi anni ha saputo fare rete con la produzione locale e l’Amerigo Vespucci che presenterà prodotti tipici della città di Roma.