Gruppo consigliare Lega: “Vergognoso l’atteggiamento di Enel”

"Ignorando la volontà dell’ amministrazione comunale, o almeno di quella che noi siamo ad oggi a rappresentare, con un atteggiamento a dir poco presuntuoso ed arrogante si permette di convocare le imprese locali in un incontro organizzato da Unindustria per parlare di gare di appalto, in vista della riconversione a turbogas". Vitali: "L’Enel ha creato un precedente pericoloso andando a parlare di riconversione di Tvn e di appalti con Unindustria ancor prima che la politica cittadina decida il da farsi"

419

“Un comportamento a dir poco vergognoso quello di Enel. Ignorando la volontà dell’ amministrazione comunale, o almeno di quella che noi siamo ad oggi a rappresentare, con un atteggiamento a dir poco presuntuoso ed arrogante si permette di convocare le imprese locali in un incontro organizzato da Unindustria per parlare di gare di appalto, in vista della riconversione a turbogas di Torre Valdaliga Nord. Apprendere per di più un atto di cosi estrema gravità dalla stampa è imbarazzante. Una fuga in avanti che veramente ha dell’ incredibile, ingiustificata nei modi e nei tempi, che calpesta chi in questa città lavora quotidianamente a tutela della cittadinanza che rappresenta. Una possibile riconversione della centrale avrà sicuramente ripercussioni importanti in ambito ambientale, economico, occupazionale. Si preoccupi Enel di farci conoscere minuziosamente e con estrema precisione quelli che potrebbero essere i risvolti in tal senso, quali i piani occupazionali di compensazione o la variazione delle emissioni di CO2 nell’aria che respiriamo, prima di andare a pianificare un progetto che ad oggi nessuno ha deciso di voler rendere esecutivo. La Lega dice basta a questo atteggiamento da Marchese del Grillo che il colosso energetico si permette ancora di avere nei riguardi della nostra città. Siamo cervelli pensanti in grado di ascoltare, comprendere, capire, decidere per tutto ciò che riguarda il nostro territorio, la nostra vita e il futuro dei nostri figli. Fatevene una ragione”, lo dichiara in una nota il gruppo consigliare della Lega. Gli fa eco anche l’intervento dell’esponente del Carroccio Dimitri Vitali: “L’Enel ha creato un precedente pericoloso andando a parlare di riconversione di Tvn e di appalti con Unindustria ancor prima che la politica cittadina decida il da farsi. Enel scorretta e poco affidabile, ma questo lo si sa da sempre. Prima di parlare di riconversione vogliamo saldare il conto, vogliamo ripristinare i 300 milioni di euro promessi alla città sulle energie rinnovabili, vogliamo sapere il bosco intorno alla centrale che fine ha fatto. Vogliamo sapere come intendono risarcire le centinaia di imprese locali che sono fallite a causa della riconversione a carbone, vogliamo certezze sulla salvaguardia occupazionale. Venite con le certezze perché i sogni da voi proposti sono stati spezzati nel 2003 e non permetteremo di essere presi in giro per l’ennesima volta. Altrimenti iniziate i calcoli per smantellare Tvn e riconsegnate l’area bonificata e ordinata. Faremo altro”.