Game over per la Farmacia dello Stazione: “Troppe perdite nell’ultimo periodo”

Soprattutto il mese di dicembre è stato fortemente influenzato dalla seconda ondata della pandemia

La Civitavecchia Servizi Pubblici comunica di aver avviato tutte le procedere necessarie alla chiusura della farmacia comunale Stazione, entro il 31 gennaio 2021. “Come già previsto nel Piano di ristrutturazione aziendale e risanamento – si legge nella nota – in attuazione degli indirizzi approvati con delibera di consiglio comunale n.78 del 30/10/2020, la chiusura della “Stazione” si è resa necessaria a fronte del mancato raggiungimento degli obiettivi di fatturato e della progressiva incidenza delle perdite rispetto ai ricavi. La chiusura della farmacia “Stazione” rispecchia le forti criticità che hanno caratterizzato gli ultimi due anni che, in riferimento a questa specifica Farmacia, attesa la sua particolare ubicazione, si sono ancor più acutizzate durante il periodo dell’emergenza sanitaria. Soprattutto il mese di dicembre è stato fortemente influenzato dalla seconda ondata della pandemia, che ha comportato la messa in atto di misure restrittive limitando di fatto gli acquisti, anche quelli legati al periodo natalizio che generalmente portano ad una crescita, soprattutto nel mercato della dermocosmetica. Alla conseguente chiusura della “Stazione” farà seguito il ricollocamento del personale dipendente presso le altre farmacie comunali del gruppo C.S.P. s.r.l., anche al fine di migliorare il servizio offerto ed incrementare i ricavi. Allo scopo di ridurre l’incidenza del costo di acquisto dei farmaci, la Società intende procedere con la gestione accentrata degli acquisti dei farmaci attraverso una gara, per una centrale unica d’acquisto. Un risparmio con un’incidenza target per il 2021 che si stima del 63,5%, dal 68,5% del primo semestre 2020”.