Fratelli d’Italia non vota il “suo” bilancio. Silenzi e tensione in maggioranza

I meloniani hanno rotto definitivamente con il resto della squadra guidata dal sindaco Ernesto Tedesco, che nelle prossime ore potrebbe chiudere il cerchio degli assessori con un nome non caro al partito locale di FdI

E’ stato un consiglio comunale a tratti singolare. Capita poche volte che dopo l’illustrazione del bilancio da parte dell’assessore, in questo caso Emanuela Di Paolo, nessuno della maggioranza, compreso il sindaco, ritenga di dover intervenire per ribattere all’opposizione o spiegare le ragioni di un voto. E’ successo oggi pomeriggio durante l’ennesima assise in video conferenza, anche se non è stato l’unico momento curioso e ad alta tensione. Basti pensare che il bilancio consolidato è passato con i tredici voti di una maggioranza abbastanza risicata, senza le posizioni favorevoli di Fratelli d’Italia, alias Giancarlo Frascarelli e Vincenzo Palombo e della civica della Lista Grasso Fabiana Attig. Loro che quel bilancio in questi mesi lo hanno condiviso con gli altri ma che oggi, a quanto pare, non lo hanno valutato come ieri. Frascarelli, addirittura da presidente della commissione economica. Evidente come un iceberg in mezzo al mare che i meloniani abbiamo rotto con il resto della squadra guidata dal sindaco Ernesto Tedesco, che fra oggi e domani potrebbe chiudere il cerchio degli assessori con un nome non caro al partito locale di FdI. Si diceva di un dibattito a senso unico perché, a parte un breve intervento del solo Daniele Perello, si è manifestata solo l’opposizione con le voci graffianti di Marco Piendibene, Pd, e Daniela Lucernoni, Movimento 5 stelle. Il documento è passato con 13 voti favorevoli. Otto quelli contrati.