Fondazione Cariciv, ecco quanto costano gli organi dell’ente

Tempi duri per la Cariciv, fra la truffa e relative spese legali e altre criticità, e allora anche gli amministratori dovranno fare dei "sacrifici". Si va verso un taglio del 40% alle retribuzione dei contabili e del 50% dei gettoni dell'Odi

Fondazione Cariciv fra le più spendaccione fra quelle in circolazione. La presidentessa Gabriella Sarracco ce la sta mettendo tutta per risanare un ente ridotto quasi alla stregua di un colabrodo, ma le resistenze non sono poche. Soprattutto per chi gode di compensi “top” rispetto ad altre realtà simili o addirittura più rilevanti. Se la numero uno dell’ente si è sostanzialmente dimezzata lo stipendio, percepisce circa 35 mila euro (prima il presidente ne incassava più o meno 60, si considera il lordo), lo stesso non si può dire per gli altri che stanno per vedersi imposto un bel taglio. Ad esempio il Presidente del Collegio dei Revisori che incasserebbe più di 16 mila euro all’anno, quando alla Carivit, la stessa figura ne prende 12 mila. Record anche l’incasso per i membri del medesimo collegio, quasi 14 mila euro, a Viterbo si tocca quota 9 mila. Rilevante il dato legato ai gettoni di presenza per l’Organo di indirizzo, 400 euro a seduta, anche se qualcuno, all’interno del gruppo, ha proposto una “sforbiciata”. Tempi duri per la Cariciv, fra la truffa e relative spese legali e altre criticità, e allora anche gli amministratori dovranno fare dei “sacrifici”. Si va verso un taglio del 40% alle retribuzione dei contabili e del 50% dei gettoni dell’Odi. Il tutto a pochi giorni dall’assemblea per l’approvazione del bilancio prevista per fine mese e che si preannuncia abbastanza pepata.