Fondazione Cariciv e truffa 2015, depositate le denunce ai profili locali

"Da parte nostra è un atto dovuto – dichiara il presidente della Fondazione Cariciv Gabriella Sarracco – dopo la deliberazione in Organo di indirizzo, quello vecchio prima e quello nuovo poi e nel consiglio di amministrazione, abbiamo proceduto depositando le denunce. Ora è tutto in mano agli avvocati"

434

Sono state depositate le denunce ai personaggi locali che secondo la Fondazione Cariciv avrebbero giocato un ruolo attivo nell’operazione che ha causato la perdita per le casse dell’ente di 19 milioni di euro con la Lp Suisse. Nel 2015 l’ente di via del Risorgimento infatti fu clamorosamente truffato, un “affare” messo in piedi dal fiduciario di Morcote Danilo Larini, il cui processo in Svizzera non è ancora iniziato. La Fondazione ha denunciato quasi tutti i vecchi amministratori e consulenti in carica all’epoca. Dal presidente, al segretario generale, e in particolar modo il comitato di investimento, i cui tre membri erano stati incaricati proprio di verificare quel prodotto, rivelatosi poi una truffa. Graziati invece i consiglieri di amministrazione. “Da parte nostra è un atto dovuto – dichiara il presidente della Fondazione Cariciv Gabriella Sarracco – dopo la deliberazione in Organo di indirizzo, quello vecchio prima e quello nuovo poi e nel consiglio di amministrazione, abbiamo proceduto depositando le denunce. Ora è tutto in mano agli avvocati”.