Fiumicino, Calicchio e Anselimi: “Nuovi computer per tutte le scuole comunali”

I computer, installati presso i diversi istituti, saranno collegati a Wi-Fi, stampante e annessa telecamera per le videoconferenze, ora necessarie per le riunioni, data l'emergenza epidemiologica in corso

86

Questa mattina l’assessora al Bilancio, Anna Maria Anselmi e l’assessore alla Scuola, Paolo Calicchio, si sono recati presso l’asilo nido “L’Allegro Ranocchio” e la scuola dell’infanzia “Il Faro Incantato” per la consegna dei computer e delle fotocopiatrici messe a disposizione di tutte le tredici scuole del Comune.

“Per garantire a tutte le nostre scuole un livello di sviluppo digitale al passo con i tempi, soprattutto in questo periodo emergenziale in cui è necessario essere sempre connessi, stiamo provvedendo all’installazione delle strumentazioni informatiche necessarie allo svolgimento delle attività didattiche e di segreteria delle scuole – spiega Anselmi -. Sino ad oggi molti istituti dovevano provvedere in autonomia alla stampa e gestione di circolari e comunicazioni amministrative, rallentando decisamente i tempi di organizzazione interna della segreteria.

I computer, installati presso i diversi istituti, saranno collegati a Wi-Fi, stampante e annessa telecamera per le videoconferenze, ora necessarie per le riunioni, data l’emergenza epidemiologica in corso”.

“Oggi stiamo raggiungendo un importante obiettivo, dopo anni di richieste e un intenso percorso di persuasione, necessario per comprendere l’utilità e la necessità della presenza di dispositivi informatici all’interno dei nostri istituti scolastici, in particolare asili nido e scuole materne. – aggiunge Calicchio -. Il passo successivo sarà formare il personale didattico per consentire un’operatività efficiente e funzionale alle esigenze della scuola. Ringrazio i dirigenti dell’area Innovazione Tecnologica e delle Politiche Scolastiche per essersi adoperati affinché l’innovazione tecnologica di base fosse garantita a tutto il personale operativo nelle nostre scuole”.