E’ stata una direzione ricca di interventi interessanti quella di questa sera. Parliamo del Partito democratico che si è riunito per parlare principalmente della stesura della lista da presentare alle comunali di fine maggio. Vista la situazione, con aree e correnti che la pensano diversamente forse sarebbe stato il caso di iniziare molto prima un processo di discussione. Ad ogni modo le new entry confermano che vorrebbero un rinnovamento nei profili da candidare, su tutti gli interventi di Andrea Riga, Jenny Crisostomi ed Enrico Leopardo. Marco Piendibene, Paola Rita Stella e Marco Di Gennaro però non ci pensano neanche per idea ad andare in “pensione”.

Proposte alternative. E allora c’è chi ha proposto (vedi Leopardo) di “scoppiare” i ticket, mettendo insieme una novità e un “senatore”, ma l’idea pare non abbia riscosso grande successo (fra i veterani). Significativo anche l’intervento del consigliere regionale Marietta Tidei che ha chiesto un rinnovamento della lista, accogliendo con favore la proposta di dividere i cosiddetti senatori come ticket. “Nel 2014 ventuno candidati erano dell’area tidei ed hanno portato voti alla lista, oggi non è più possibile”, avrebbe detto l’ex deputata. Chi si è travestito da mediatore è invece il segretario Germano Ferri: “Mi avete chiesto di fare un passo di lato al fine di condividere la gestione del Partito stesso con una cabina di regia, in vista dell’imminente appuntamento elettorale, atto che ho accettato di buon grado per il bene della nostra comunità, accettando di condividere con loro e con ciò che rappresentavano, le sorti, positive o negative, del nostro partito. Se non riusciremo a trovare un accordo però, se non riusciremo a trovare una vera sintesi, chi ne
subirà le conseguenze sarà Civitavecchia la quale verrà condannata ad altri lunghi anni di mala politica. Se accadrà ciò quindi, sappiate che la responsabilità sarà di tutti, nessuno escluso”, ha dichiarato. Lui ha deciso di non candidarsi, il problema è che Ferri rappresenta una delle poche novità viste in casa Pd negli ultimi tempi. In definitiva domani si riunisce la commissione per stilare la lista che dovrebbe essere definitiva nel giro di una settimana.