Di Maio il santaseverino, si alla frittura no alla Lucernoni

Il vice premier, Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, Capo politico pentastellato e chi più ne ha più ne metta, Luigi Di Maio, ha avuto tempo e modo per fare un salto a Santa Severa e godersi una bella cenetta estiva dal sapore di mare in un noto locale della Perla del Tirreno. I 5 stelle locali però, a Di Maio, ancora lo stanno aspettando in campagna elettorale

577

Non deve averla presa benissimo l’attuale consigliere comunale del Movimento 5 stelle, ed ex candidato sindaco Daniela Lucernoni. Lei, come d’altronde tutto il gruppo. Il vice premier, Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, Capo politico pentastellato e chi più ne ha più ne metta, Luigi Di Maio, ha avuto tempo e modo per fare un salto a Santa Severa, insieme al Ministro ai Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro, e godersi una bella cenetta estiva dal sapore di mare in un noto locale della Perla del Tirreno. Un blitz che non ha lasciato indifferente il sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei, oramai “cane da tartufo” della politica che conta, il quale ne ha approfittato per scattare una foto ricordo, così come aveva fatto qualche settimana prima con il Ministro dell’Interno Matteo Salvini. I 5 stelle locali però, a Di Maio, ancora lo stanno aspettando in campagna elettorale. Invocato quasi come un Messia, nella fase più “calda” della propaganda politica, in città non s’è mai visto, ne lui, nè tantomeno altri big di Roma come Fraccaro stesso, il quale nell’ultimo mese è passato a Santa Severa già un paio di volte. Tutto questo nonostante una promessa che la Lucernoni avrebbe strappato proprio a Di Maio. Non che le cose sarebbero potute andare molto diversamente, il Movimento infatti sarebbe arrivato (con ogni probabilità) sempre terzo “fresco”, ma quello che resta è un segnale importante. Meglio gustare una bella frittura di pesce in totale relax che mettere la faccia davanti ad un probabile ko?