Csp e la storia infinita: slitta a lunedì/martedì la decisione sul piano di salvataggio

Pesano soprattutto due punti: l’aumento di capitale da 5,2 milioni di euro e l’accensione di un mutuo da 2 milioni, anche per pagare i debiti con i fornitori. Ma ieri si è parlato pure del personale, che secondo qualcuno è un'altra grave criticità dell’azienda

Ieri la commissione del Comune doveva stabilire quale strada prendere per Csp, la Civitavecchia Servizi Pubblici. La riunione ha partorito un altro rinvio, a lunedì e martedì, due altre commissioni per sciogliere definitivamente i dubbi sul da farsi. Il piano di ristrutturazione, almeno per ora, è respinto dalle incertezze della maggioranza. Il Presidente della commissione Daniele Perello ha chiesto al presidente del consiglio comunale Emanuela Mari un confronto supplementare. Pesano soprattutto due punti: l’aumento di capitale da 5,2 milioni di euro e l’accensione di un mutuo da 2 milioni, anche per pagare i debiti con i fornitori. Ma ieri si è parlato pure del personale, che secondo qualcuno è un’altra grave criticità dell’azienda. Forse la più pesante.