Csp e la scelta del Cda frena la distribuzione delle deleghe

Ieri riunione della Lega a Roma. Su Csp decide il sindaco Tedesco

Oggi in consiglio comunale, oltre che parlare di dehors si dovrebbe approvare la modifica dello statuto comunale. Un atto che spezzerà l’impasse sulla distribuzione delle deleghe ai consiglieri comunali e ai fedelissimi esterni. Sul tavolo ci sono già le prime indicazioni, il consigliere comunale di Forza Italia Matteo Iacomelli dovrebbe prendere lo sport, con un possibile ballottaggio con il leghista Pierluigi Miranda, Daniele Perello invece dovrebbe avere i trasporti, ma aspetta anche il commercio, un altro azzurro, Giancarlo Frascarelli avrà la delega al servizio idrico. In attesa pure la Lista Tedesco con il consigliere comunale Barbara La Rosa che potrebbe avere i rapporti con l’Enel e lo stesso Mecozzi, aspirante per il demanio. Le politiche giovanili potrebbero essere un settore buono per il salviniano Antonio Giammusso, mentre la meloniana Simona Galizia, riferimento di FdI in consiglio, si candida per la cultura. Ma sulla strada che porta alle varie assegnazioni, c’è il rompicapo di Civitavecchia Servizi Pubblici. Da questo punto di vista ieri sera si è tenuta una riunione del Carroccio a Roma. Indicazione? Non dare alcuna indicazione e affidarsi esclusivamente al sindaco Ernesto Tedesco che deve scegliere la figura più competente. E occhio anche al possibile rimpasto di Giunta, Galizia, Pepe e Pietroni sono le quote rosa in lizza, per ora.