Csp e la delibera da 5 milioni di euro. Perello: “Da valutare bene. La partecipata è stata un tritacarne”

Parla il presidente della commissione partecipate e capogruppo del Gruppo misto

Settimana importante sul fronte politico e amministrativo. Sullo sfondo la delibera di Csp che approderà finalmente in commissione partecipate, prima di terminare il suo percorso in consiglio comunale. Presidente della commissione specifica è il consigliere comunale e capogruppo del Gruppo misto Daniele Perello, il quale esprime le sue perplessità su un piano di salvataggio molto “impegnativo”. Sul tavolo i 5 milioni di aumento di capitale, ma non solo. “I problemi però ci sono, inutile negarlo. Pensare di immettere altri 5 milioni di euro in un “tritacarne” che si chiama Csp, un tempo Hcs, non so se sia la soluzione migliore per il nostro Comune, e anche per la società stessa. Senza dimenticare la questione dell’accensione del mutuo, sono tutte iniziative che bisogna valutare molto bene. So che ci sono anche altri consiglieri comunali molto perplessi, si tratta di una decisione particolarmente importante. Se fra sei mesi il Cda, che ha fatto anche degli sforzi significativi, non raggiungerà gli obiettivi che si è prefissato, cosa succederà?”.