Crisi di maggioranza, Tedesco vede solo il bilancio. D’Ottavio nel mirino

Intanto nel mirino è finito il forzista e assessore ai lavori pubblici Roberto D’Ottavio, ancora più criticato dall'ala grassiana dopo l’ultima presa di posizione a mezzo stampa

Nonostante i messaggi chiari che sono arrivati da una parte della maggioranza, quella che fa capo al vice sindaco e assessore alle partecipate Massimiliano Grasso, con la richiesta di rimpasto o addirittura di azzeramento della Giunta, il sindaco Ernesto Tedesco tira dritto. La strategia del primo cittadino potrebbe essere quella di navigare a vista fino al consiglio comunale sul bilancio di previsione, mettendo alla prova quella parte della maggioranza lamentosa, che a quel punto avrà due scelte: approvare un esercizio finanziario difficile e aspettare (o sperare) che il sindaco ritocchi la giunta oppure mandarlo a casa. Intanto nel mirino è finito il forzista e assessore ai lavori pubblici Roberto D’Ottavio, ancora più criticato dall’ala grassiana dopo l’ultima presa di posizione a mezzo stampa: “Bisogna rimboccarsi le maniche, non inseguire le poltrone”. La Svolta e Fratelli d’Italia lo vorrebbero fuori dalla squadra di governo cittadina. Nel mezzo c’è la Lega che deve trovare ancora un’identità chiara, anche se il coordinatore locale Antonio Giammusso precisa e avverte. “La linea del partito è quella del senatore Claudio Durigon e nessuno può fare accordi in nome della Lega”.