Coronavirus, rinviata la festa del Civitavecchia. A porte chiuse tutte le gare

Sarà un mese di marzo tra partite rinviate e altre che si giocheranno senza pubblico per l'emergenza coronavirus. Niente festa per il Civitavecchia, non giocheranno nel prossimo weekend Margutta, Revolution e Ste.Mar 90

401

Sarà un marzo con lo sport locale in quarantena quello che ci apprestiamo a vivere. L’emergenza coronavirus infatti inciderà su tutti gli eventi sportivi, visto che il decreto del governo Conte prevede che tutte le gare si giochino a porte chiuse fino al 3 aprile. Una situazione che ovviamente coinvolgerà tutte le società locali alcune delle quali nel prossimo weekend vedranno rinviate le proprie partite, mentre altre giocheranno ma appunto a porte chiuse. Andiamo con ordine e partiamo da quello che doveva essere l’evento principale del prossimo fine settimana. Al Tamagnini i tifosi del Civitavecchia avevano preparato la festa per il centenario della società nerazzurra. Festa che è stata rinviata a data da destinarsi visto che Civitavecchia-Monti Cimini di Eccellenza si giocherà regolarmente ma senza la presenza dei tifosi. Stesso discorso per le squadre di Promozione che giocheranno a porte chiuse. Al momento in dubbio la gara di pallanuoto di A2 del PalaGalli tra Enel Snc e Muri Antichi, si attendono comunicazioni ufficiale. Tanti invece gli sport che hanno deciso di fermare le attività fino al 15 marzo. Non giocheranno Margutta, in B2, e Revolution, in C, per quanto riguarda la pallavolo così come la Ste.Mar 90 ha visto rinviate le due gare che doveva disputare in C Gold da qui al 15 marzo. E stop anche per la terza tappa di serie A1 di ginnastica artistica con l’As Gin che il 14 marzo doveva essere a Napoli. Insomma il mese di marzo sarà pesantemente condizionato dall’emergenza coronavirus, bisogna adeguarsi.